Reginella

 

Libero Bovio – Gaetano Lama – 1917

 

Spartito reginella

 

Testo e traduzione

 

Al Salone Margherita, così intitolato in onore della regina, approdò in Italia il Cafè Chantant che con le sue ballerine di can can  divenne il simbolo della Belle Èpoque partenopea.

Il Salone Margerita era una trasposizione quasi perfetta di un locale di cafè chantant parigino. Persino i camerieri parlavano in francese e tutti gli artisti francesizzavano il proprio nome.

Ma su quel palcoscenico si sono esibite anche stelle di prima grandezza come Raffaele Viviani, Ettore Petrolini, la Bella Otero, Lina Cavalieri e tanti altri.

Libero Bovio si ispirò ad una ballerina di questo teatro per dare vita ad una una canzone che musicata da Gaetano Lama rappresenta un’altra perla del patrimonio musicale napoletano: Reginella.

Reginella è una ragazza che ha perso la sua semplicità scegliendo di diventare una sciantosa. Ovviamente parla francese, frequenta persone raffinate e veste con ampie scollature.

A distanza di quasi un secolo Reginella conserva intatto il suo fascino e la simpatia del personaggio. Infatti, in una fiction televisiva di grande successo, Capri, la protagonista si chiama proprio Reginella.

Senza dimenticare che la canzone ha fatto da colonna sonora al film di Lina Wertmuller tratta dalla commedia di Eduardo De Filippo, Sabato, domenica e lunedì.

Testo e traduzione

Te si’ fatta na vesta scullata,
nu cappiello cu ‘e nastre e cu ‘e rrose,
stive ‘mmiez’a tre o quatto sciantose
e parlave francese accussí.
Fuje ll’autriere ca t’aggio ‘ncuntrata
fuje ll’autriere a Tuleto. ‘Gnorsí!

T’aggio vuluto bene a te,
tu mm’hê vuluto bene a me.
Mo nun ce amammo cchiù,
ma ê vvote tu,
distrattamente,
pienze a me.

Reginè’, quanno stive cu mico,
nun magnave ca pane e cerase,
nuje campávamo ‘e vase. E che vase!
Tu cantave e chiagnive pe’ me
e ‘o cardillo cantava cu tico:
“Reginella ‘o vò’ bene a stu Rre”.

T’aggio vuluto bene a te,
tu mm’hê vuluto bene a me.
Mo nun ce amammo cchiù,
ma ê vvote tu,
distrattamente,
parle ‘e me.

Oje cardillo, a chi aspiette stasera?
Nun ‘o vvide, aggio aperta ‘a cajuóla,
Reginella è vulata, e tu vola!
Vola e canta, nun chiagnere ccá.
T’hê ‘a truvá na padrona sincera
ch’è cchiù degna ‘e sentirte ‘e cantá.

T’aggio vuluto bene a te,
tu mm’hê vuluto bene a me.
Mo nun ce amammo cchiù,
ma ê vvote tu,
distrattamente,
chiamme a me.

 

Traduzione in italiano

Reginella

Ti sei fatto un vestito scollato,
un cappello con i nastri e con le rose.
stavi in mezzo a tre o quattro “sciantose”,
e parlavi francese così.
Fu ieri l’altro che ti ho incontrata.
Fu ieri l’altro, a Toledo.Sissignore!.

Io ho voluto bene a te,
Tu hai voluto bene a me.
Ora non ci amiamo più,
ma a volte tu
distrattamente
pensi a me.

Reginella, quando stavi con me
non mangiavi che pane e ciliegie,
noi vivevamo di baci. E che baci!
Tu cantavi e piangevi per me
e il cardellino cantava con te:
“Reginella vuole bene a questo Re”.

Io ho voluto bene a te,
Tu hai voluto bene a me.
Ora non ci amiamo più,
ma a volte tu
distrattamente
parli di me.

Cardellino, a chi aspetti questa sera?
Non lo vedi, ho aperto la gabbia.
Reginella è volata, e tu vola!
Vola e canta, non piangere qui.
Ti devi trovare una padrona sincera
che è più degna di sentirti cantare.

Io ho voluto bene a te,
Tu hai voluto bene a me.
Ora non ci amiamo più,
ma a volte tu
distrattamente
chiami me.