Guapparia

 

Libero Bovio – Rodolfo Falvo – 1914

 

Mario Merola

 

Guapparia è probabilmente una delle più famose tra le cosiddette canzoni “di giacca”. Scritta da Libero Bovio nel 1914 e musicata da Rodolfo Falvo.

Ma cos’è una canzone di giacca? Una canzone che aveva per protagonista un guappo. Un sorta di boss rionale. Tra le peculiarità di questo personaggio c’era quella di essere sempre vestito con eleganza e ricercatezza. Anche se qualche volta questa ricercatezza sfocia nella pacchianeria.

Nel rione era una sorta di notabile dei poveri. Era ammirato e temuto. Ci si rivolgeva a lui per ottenere giustizia e dirimere controversie.

Però doveva stare bene attento a non mostrare lati deboli del suo carattere. Al contrario di quello che succede al protagonista di Guapparia offeso nella dignità dal rifiuto dell’amata di ricambiare il suo amore.

Nei versi di Libero Bovio va quindi a “piangere” sotto la finestra di Margherita accompagnato da un concertino, cioè un piccolo gruppo di musicanti, per cantare una serenata «’a femmena cchiù bella d’ ’a ’Nfrascata», area corrispondente attualmente a via Salvator Rosa e dintorni.

Il guappo non riesce a perdonare a questa donna l’affronto che gli ha fatto rifiutandolo e di conseguenza facendogli perdere la faccia nell’onorata società. Anzi vuole che i suoi sodali lo caccino «’a dint’ ’a suggità» (società).

Comunque non ci sono minacce cruente. La sua vendetta consiste in uno sfogo che dovrebbe commuovere la ragazza. Tuttavia i primi a emozionarsi sono proprio i musicanti che non riescono nemmeno più a mantenere il tempo.

Allora succede che mentre si ignora se la ragazza sia stia sciogliendo in lacrime, è sicuro che «chiagne tutt’ ’o cuncertino» e piangono i «guagliune ’e malavita».

Era un genere di canzone che trovava ampio spazio nella sceneggiata napoletana, una forma di teatro molto particolare degli anni ’20-’30 riportata in auge da Mario Merola negli anni Settanta.

Il guappo è uno dei personaggi cardine della sceneggiata, la sua forza si basa sulla paura degli altri di affrontarlo. È “ ’o malamente” (il malvagio) che nonostante la tracotanza alla fine risulta sempre miseramente sconfitto, quando non ucciso.

Gli altri protagonisti della sceneggiata napoletana sono “Isso”, lui, l’eroe positivo. “Essa” lei, la donna contesa. Comunque, come nelle favole alla fine “o malamente” viene sconfitto e gli innamorati possono dare libero sfogo alla loro passione.

Autore della musica è Rodolfo Falvo figura di primo piano nel panorama musicale napoletano. Passato alla storia con il soprannome di Mascagnino non per la somiglianza artistica ma per un particolare fisico con del grande compositore livornese Pietro Mascagni: il volto.

 

Scetáteve, guagliune ‘e malavita
ca è ‘ntussecosa è assaje ‘sta serenata,
io sóngo ‘o ‘nnammurato ‘e Margarita
ch’è ‘a femmena cchiù bella d”a ‘Nfrascata!

Ll’aggio purtato ‘o capo cuncertino,
p”o sfizio ‘e mme fá sèntere ‘e cantá.
Mm’aggio bevuto nu bicchiere ‘e vino
pecché, stanotte, ‘a voglio ‘ntussecá.

Scetáteve guagliune ‘e malavita!

E ‘a luna è accumparuta a ll’intrasatto,
pe’ lle dá ‘o sfizio ‘e mme vedé distrutto.
Pe’ chello che ‘sta fémmena mm’ha fatto,
vurría ch”a luna se vestesse ‘e lutto!

Quanno se ne venette â parta mia,
ero ‘o cchiù guappo ‘e vascio â Sanitá.
Mo, ch’aggio perzo tutt’ ‘a guapparía,
cacciatemmenne ‘a dint’ ‘a suggitá!

Scetáteve guagliune ‘e malavita!

Sunate, giuvinò, vuttàte ‘e mmane,
nun v’abbelite, ca stó’ buono ‘e voce!
I’ mme fido ‘e cantá fino a dimane
e metto ‘ncroce a chi…mm’ha miso ‘ncroce.

Pecché nun va cchiù a tiempo ‘o mandulino?
Pecché ‘a chitarra nun se fa sentí?
Ma comme? Chiagne tutt’ ‘o cuncertino,
addó’ ch’avess”a chiagnere sul’ i’.

Chiágnono sti guagliune ‘e malavita!

 

Traduzione in italiano

Guapparia

Svegliatevi, ragazzi di malavita
perché fa molto arabbiare questa serenata,
io sono l’innamorato di Margherita
che è la donna più bella del borgo!

Le ho portato una bella orchestrina,
per il gusto di farmi sentir cantare.
Mi sono bevuto un bicchiere di vino
perché, questa notte, voglio farla arrabbiare

Svegliatevi, ragazzi di malavita!

E la luna è apparsa all’improvviso,
per darle la soddisfazione di vedermi distrutto.
Per quello che mi ha fatto questa donna,
vorrei che la luna si vestisse a lutto!

Quando si mise con me,
ero il più guappo del rione Sanità.
Ora, che ho perso tutta la guapperia,
cacciatemi dalla società!

Svegliatevi, ragazzi di malavita!

Suonate, giovanotti, sbrigatevi,
non avvilitevi, perché sto bene di voce!
Mi fido a cantare fino a domani
e metto in croce chi… mi ha messo in croce.

Perché non mantiene più il tempo il mandolino?
Perché la chitarra non si fa sentire?
Ma come? Piange tutta l’orchestrina,
mentre dovrei piangere solamente io.

Piangono questi ragazzi di malavita!