Lassammo fa’ Dio…

 

SALVATORE DI GIACOMO

 

salvatore di giacomo

 

Testo e traduzione

 

’A dummeneca ’e Pasca
d’ ’o mille e noveciento, ’o Pateterno
(ca s’è susuto sempe ’int e primm’ore)
di buonissimo umore
se scetaie mmerz’ ’e sette,
fece chiammà san Pietro e lle dicette:
– Pie’, siente, stammatina
è na bella iurnata
e ll’ aria è fina fina:
vurria fa na scappata
’n Terra… Che te ne pare?
– Mah! – dicette san Pietro – (santo napulitano e,
mparaviso, capo guardapurtone)
– Mah… Lei siete il padrone!
Vulite vedè ’a Terra? E fate pure…
Però… vedete… francamente, ’a Terra
è nu poco afflittiva.
V’avesse disgustà?…
– Ma che! Che dici!
Su, vèstiti! Scendiamo…
Dove ci fermeremo? Dove andiamo?…
Napoli!… Che? Ti pare?
– Eh! Sissignore:
se dice: Vide Napule e po’ muore!
E senza perder tempo, llà ppe llà,
San Pietro se vestette comilfò:
nu pantalone inglese a quadrigliè,
nu gilè (comm’ ’o pòrteno ’e cocò)
tutto piselli verdi in campo blu,
cappiello a tubbo, cravatta a rabà,
scicco stiffelio di color rapè,
e un piccolo bastone di bambù.
– Sto bene? – Elegantone!…
Andiamo dunque! – E ghiammo…
Quanto mme piglio ’e guante… –
Ed in un batterdocchio eccoli a Napoli,
in mezzo piazza Dante.
’O Patre Eterno vutaie li’ uocchie attuorno,
scanzaie nu tramme, se mettette ‘a lente,
e proprio come un semprice murtale,
(ma però con accendo forastiero)
dice: – Sai, caro, ma l’ è mica male
questa vostra città! Mi fa piacere
assai di rivederla:
ci mancavo dal secolo passato…
Ma proprio ha molto, molto migliorato!
La statua qui davante
cosa l’ è? L’Aligherio?…
– No – dicette san Pietro – Questo è Dante.
Grand’ uomo… E questa sulla mano destra
è la famosa chiesa ’e San Michele:
quello è il Liceo Vittorio Emmanuele:
più sopra c’ è il Museo. Questo, rimpetto,
è il caffè di Diodati.
Ce vulimmo assettà diece minute?
– Entriamo pure – . E ’o Signore trasette
in quelle belle sale ornamentate,
e san Pietro dicette al cammariere:
– Favorite due mezze limonate.
Erano ’e ddiece e mmeza
e ’a iurnata era bella. A mille a mille
passiaveno ’e ggente
pe mmiez’ ’a strata e ncopp’ ’e marciappiede;
e vedive mmiscate
femmene, uommene, grosse e piccirille
nutricce, serve, prìevete e surdate
Oh, qual vista gentile!
(dicette ’o Pateterno
pusanno o’ cucchiarino).
Ma com’ è che si dice,
caro quel mio Pierino,
che la Terra è infelice?
Ma guarda, guarda un po’ che movimento,
che scena pittoresca e che allegria!
Via, son proprio contento…
Be’?… Pietro?… E parla, vecchio brontolone!
Non sei della mia stessa opinione?
Sì – rispunnette ’o viecchio – . e opera vosta
è certamente tutta chesta ccà:
certo: chi ’o ppo’ negà?
Però… Vi siete presa ’a limunata?…
– Sì, ho finito… – Embè, usciamo.
Signori, a tutti!… – Buona passeggiata!
– Dunque dicevi? – E c’ aggia di’?… Guardate!
Tenite mente attuorno… Che bedite?
Che ve pare?… Dicite.
’A carità
Dio guardaie – spaventato. Mmiez’ ’a strata,
stuorte, struppie, cecate, giuvene e bichicchiarielle,
guagliune senza scarpe,
vicchiarelle appuiate a ’e bastunciel!e,
scartellate, malate,
e ciert’ uocchie arrussute
chine ’e lacreme – e mane
secche, aperte, stennute…
– ’A carità!…
Sta voce
e voce a centenara
sentette, ’a tutte parte,
disperate, strellà:
e quase lle parette
dint’ a n’ eco e ’a luntano,
sentì ’o stesso lamiento….
– ’A carità…
Cu na resella amara,
e allisciannose ’a barba a franciscana,
San Pietro suspiraie: – Nun c’è che fa’!…
Mo nu’ ve frasturnate, sentite a me:
mo iammuncenno ’a ccà:
piuttosto quando siamo in Paraviso
se pe riparlerà…
– Come?… Non ho capito…
– ’O Patre Eterno
capuzziava, parlava isso sulo,
teneva mente in aria… Tutto nzieme
fece segno c’ ’a mano. E nu lenzulo
scendette sulla Terra lentamente,
lo stendettero a terra in piazza Dante
nu centenaro d’ angele
tutte vestute ’e velo
nce ammuntunaino, dinto, ’e puverielle,
e s’ ’e purtaino ’ncielo…

 

Traduzione 

Lasciamo fare a Dio

La domenica di Pasqua
del millenovecento, il Padreterno
(che si è alzato sempre nelle prime ore)
di buonissimo umore
si svegliò verso le sette,
fece chiammà san Pietro e gli disse:
– Pietro, senti, stamane
è una bella giornata
e l’aria è pura:
vorrei fare una puntatina
sullaTerra… Che te ne pare?
– Mah! – disse San Pietro (santo napoletano e,
in Paradiso, capo portinaio)
– Mah… Lei è il padrone!
Volete vedere la Terra? E fate pure…
Però… Vedete. Francamente, la Terra
è un po’ triste.
Vi dovesse disgustare?
– Macché! Che dici!
Su, vestiti! Scendiamo
Dove ci fermeremo? Dove andiamo?
Napoli! Che? Ti pare?
– Eh! Sissignore:
si dice: vedi Napoli e poi muori!
E senza perdere tempo, immediatamente
San Pietro si vestì in modo adeguato:
un pantalone inglese a quadretti,
un gilè (come lo portano i viveurs)
a pois verdi in campo blu
cilindro, cravatta annodata
giacca color tabacco
e un piccolo bastone di bambù.
– Sto bene? – Elegantissimo!…
Andiamo dunque! – E andiamo…
– Un attimo che mi prendo i guanti…
– Ed in un batter d’occhio eccoli a Napoli.
a piazza Dante.
Il Padreterno si guardò intorno
schivò un tram, si mise il monocolo
e proprio come un semplice mortale,
(ma con accento straniero)
dice: – Sai, caro, ma l’è mica male
questa vostra città! Mi fa molto
piacere di rivederla:
ci mancavo dal secolo scorso…
Ma veramente è molto, molto migliorato!
La statua qui davanti
cosa l’ è? L’ Aligherio?…
– No – disse san Pietro – Questo è Dante.
Grande uomo…. E questa a destra
è la famosa chiesa di San Michele:
quello è il Liceo Vittorio Emanuele:
più sopra c’ è il Museo. Questo, di fronte,
è il caffè di Diodati.
Ci vogliamo sedere dieci minuti?
– Entriamo pure –. E il Signore entrò
in quelle belle sale ornamentate,
e san Pietro disse al cameriere:
– Per cortesia portateci due mezze limonate.
Erano le dieci e mezza
e la giornata era bella. A mille a mille
passeggiavano le persone
per strada o sopra i marciapiedi
si vedevano mischiati
donne e uomini, grandi e piccini
balie, serve, preti e soldati
Oh, qual vista gentile!
(disse il Padre Eterno
posando il cucchiaino).
Ma com’e che si dice,
caro quel mio Pierino,
che la Terra è infelice?
Ma guarda un po’ che movimento,
che scena pittoresca e che allegria! c
Via, son proprio contento…
Beh?… Pietro?… E parla, vecchio brontolone!
Non sei della mia stessa opinione?
Si – rispose il vecchio – e opera vostra
è certamente tutta questa qua:
certo: chi lo può negare?
Però… Avete bevuto la limonata?
– Si, ho finito… Allora, usciamo.
Signori, a tutti!…. Buona passeggiata!
Dunque dicevi? – E cosa debbo dire? Guardate!
Guardatevi attorno…. Che vedete?
Che vi pare? Dite
La carità
Dio guardò – spaventato. In mezzo la strada,
sciancati, storpi, ciechi, giovani e vecchierelle,
ragazzi senza scarpe,
vecchiette appoggiate al bastone,
gobbe, malate,
e certi occhi arrossati
pieni di lacrime – e mani
secche, aperte, tese…
– La carità!…
Questa voce
e voci a centinaia
sentì da tutte le parti,
disperate, strillare
e quasi gli sembrò
di udire un eco e da lontano,
sentì lo stesso lamento
– La carità!…
Con un risolino amaro
e lisciandosi la barba francescana,
san Pietro sospirò: – Non c’è che fare!…
Ma ora voi siete frastornato, sentitemi:
adesso andiamo via da qua
piuttosto quando saremo in Paradiso
se ne riparlerà…
– Come?… Non ho capito…
– Il Padreterno
scuoteva la testa, parlava da solo,
guardava in aria… Tutto a un tratto
fece segno con la mano. E un lenzuolo
scese sulla Terra lentamente,
lo stendettero a terra in piazza Dante
un centinaio di angeli
tutti vestiti con i veli
ci ammucchiarono dentro i poveri
e se li portarono in cielo…

 

Le più antiche caffetterie di Napoli: tra mito e storia