In morte di due Nobilissimi Amanti

 

TORQUATO TASSO

 

Torquato Tasso - In morte di due nobilissimi amanti

 

 

Piangete o Grazie, e voi piangete Amori, 
feri trofei di morte, e fere spoglie
di bella coppia cui n’invidia e toglie, 
e negre pompe e tenebrosi orrori. 

Piangete o Ninfe, e in lei versate i fiori
pinti d’antichi lai l’umide foglie
e tutte voi che le pietose doglie
stillate a prova e lacrimosi odori. 

Piangete Erato e Clio l’orribil caso
e sparga in flebil suono amaro pianto
in vece d’acque dolci o mai Parnaso. 

Piangi Napoli mesta in bruno ammanto, 
di beltà di virtù l’oscuro occaso
e in lutto l’armonia rivolga il canto. 

 

Maria d’Avalos, l’orrendo delitto di Palazzo Sansevero