Torna Maggio

 

Vincenzo Russo – Eduardo Di Capua – 1900 

 

spartito torna maggio

Rose, che belli rrose. Torna maggio.
Sentite ‘addore ‘e chisti sciure belle.
Sentite comme cantano ll’aucielle.
E vuje durmite ancora?
‘I’ che curaggio.

Aprite ‘sta fenesta, oje bella fata,
ché ll’aria mo s’è fatta ‘mbarzamata.
Ma vuje durmite ancora, ‘i’ che curaggio.
Rose, che belli rrose.
Torna maggio.

Rose, che belli rrose. ‘A n’anno sano,
stóngo strujenno ‘e pprete ‘e chesta via.
Ma vuje nun v’affacciate. Uh, mamma mia.
I’ nun mme fido ‘e stà da vuje luntano.

E si ve stó’ luntano quacche ghiuorno,
pare ca vuje mme state sempe attuorno,
ca mme parlate e mm’astrignite ‘a mano.
Rose, che belli rrose.
E’ n’anno sano…

Rose, che belli rrose. E vuje durmite,
ma nun ve sceta stu prufumo doce?
‘E primmavera nun sentite ‘e vvoce?
Ma vuje, core ‘mpietto, ne tenite?

Vocca addirosa comm’a na viola.
‘A primmavera mia site vuje sola.
Ma chesta voce vuje nun ‘a sentite?
Rose, che belli rrose.
E vuje durmite…

 

Traduzione in italiano

Torna Maggio

Rose, che belle rose. Torna maggio.
Senti l’odore di questi fiori belli.
Sentite come cantano gli uccelli.
E voi dormite ancora?
Guarda che coraggio.

Aprite questa finestra, oh bella fata,
che l’aria ora è diventata profumata.
Ma voi dormite ancora, guarda che coraggio.
Rose, che belle rose.
Torna maggio.

Rose, che belle rose. Da un anno intero
sto consumando le pietre di questa strada.
Ma voi non vi affacciate. Oh, mamma mia.
Io non riesco a stare lontano da voi.

E se vi sto lontano qualche giorno,
sembra che voi mi stiate sempre intorno,
che mi parliate e mi stringiate la mano.
Rose, che belle rose.
E’ un anno intero…

Rose, che belle rose. E voi dormite,
ma non vi sveglia questo profumo dolce?
Della primavera non sentite le voci?
Ma voi, cuore in petto, non ne avete?

Bocca profumata come una viola.
La mia primavera siete voi sola.
Ma questa voce voi non la sentite?
Rose. che belle rose.
E voi dormite…