‘O surdato ‘nnammurato

 

Aniello Califano – Enrico Cannio – 1915

 

massimo ranieri

 

’O surdato ’nnammurato, il soldato innamorato, traduzione facile anche per i non campani, è una delle più famose canzoni del patrimonio musicale classico napoletano. Fino a pochi anni fa era anche l’inno del Calcio Napoli. Il San Paolo a fine partita intonava la canzone di Califano e Cannio.

Oggi, per motivi difficili da comprendere ’O surdato ’nnammurato ha ceduto il passo alla rivisitazione di un tormentone degli anni Ottanta, L’estate sta finendo, portata al successo dai Righeira. Un duo torinese e per di più juventino. Il testo fu “riscritto”, per la prima volta, dai tifosi de L’Aquila che ne fecero l’inno della propria squadra. Poi è stato adottato da diverse altre squadre, tra cui la Juventus. Ormai, però, sembra divenuto a tutti gli effetti l’inno del San Paolo.

’O surdato ’nnammurato fu scritta dal poeta santegidiano Aniello Califano e musicata da Ennio Cannio, nel 1915. Si era durante la Prima guerra mondiale e la canzone non ebbe vita facile. Era considerata una lirica disfattista. Addirittura un inno alla diserzione. Nel periodo fascista venne vista ancora peggio e censurata.

Un disfattismo che non compare

 

Eppure, soffermandosi sul testo, si nota che si tratta della semplice lettera che un ragazzo scrive alla sua amata esprimendo l’afflizione per la lontananza e la speranza di poterla riabbracciare al più presto. Nel testo non si citano guerre, massacri, morti o campi di battaglia. Persino che sia un soldato l’autore della lettera è una semplice deduzione: non è scritto da nessuna parte. Poteva essere benissimo un emigrante.

Ma di fatto era scontato il significato e la canzone divenne l’inno dei soldati nelle trincee della Prima guerra mondiale. Esprimeva il sentimento comune di ragazzi chiamati, molto spesso, a combattere una guerra di cui ignoravano persino le motivazioni.

Quello che conoscevano erano i massacri a cui assistevano, la morte e le mutilazioni dei compagni e la paura di non ritornare un giorno a casa.

All’epoca non c’era internet né i media, per cui la propaganda aveva vita facile raccontando solo di vittorie, atti eroici e truppe ben attrezzate e nelle migliori condizioni.

Cantare ’O surdato ’nnammurato poteva costare la corte marziale

 

’O surdato ’nnammurato fu messo all’indice insieme al altre canzoni ritenute disfattiste o anarchiche. Essere colto al fronte canticchiando o fischiettando il motivo comportava punizioni molto severe e persino la corte marziale.

Ma era nelle intenzioni di Califano scrivere questo inno contro la guerra? Decisamente sì, nonostante il personaggio fosse ben lungi dall’essere, come si direbbe oggi, socialmente e politicamente impegnato. Proveniva da un’agiata famiglia borghese ed era un allegro farfallone che apprezzava le allegre serate e le belle donne.

Ma era anche un poeta e non era insensibile a quello che gli succedeva intorno. Così quando cominciarono ad arrivare le notizie “non filtrate” di quello che stava succedendo nelle trincee, Califano, come nel suo carattere, scrisse d’impulso e in una sola serata i meravigliosi versi che sono arrivati a noi.

L’editore Gennarelli, futuro titolare della Casa discografica Bideri, quella che ancora oggi dopo oltre un secolo, detiene i diritti d’autore de ’O sole mio, fu il primo a commuoversi leggendo quelle rime e la affidò a Enrico Cannio per la musica.

Dire che la canzone ha conosciuto innumerevoli versioni eseguite da artisti di valore nazionale e internazionale è quasi superfluo. Ma una menzione speciale merita l’interpretazione di Anna Magnani nel film di Alfredo Giannetti del 1971: La sciantosa. Un’esecuzione molto toccante durante la quale è difficile rimanere impassibili.

 

Staje luntana da stu core,
a te volo cu ‘o penziero,
niente voglio e niente spero
ca tenerte sempe a fianco a me!
Si sicura ‘e chist’ammore
comm’i só sicuro ‘e te.

Oje vita, oje vita mia,
oje core ‘e chistu core,
si state ‘o primmo ammore
e ‘o primmo e ll’ùrdemo sarraje pe’ me!

Quanta notte nun te veco,
nun te sento ‘int’a sti bbracce,
nun te vaso chesta faccia,
nun t’astregno forte ‘mbraccio a me!
Ma, scetánnome ‘a sti suonne,
mme faje chiagnere pe’ te!

Oje vita, oje vita mia,
oje core ‘e chistu core,
si state ‘o primmo ammore
e ‘o primmo e ll’ùrdemo sarraje pe’ me!

Scrive sempe e sta’ cuntenta,
io nun penzo che a te sola.
Nu penziero mme cunzola,
ca tu pienze sulamente a me.
‘A cchiù bella ‘e tutt”e bbelle,
nun è maje cchiù bella ‘e te!

Oje vita, oje vita mia,
oje core ‘e chistu core,
si state ‘o primmo ammore
e ‘o primmo e ll’ùrdemo sarraje pe’ me!

 

 

Traduzione in italiano

Il soldato innamorato


Sei lontana da questo cuore,

da te volo con il pensiero,
niente voglio e niente spero
oltre che tenerti sempre al mio fianco!
Sii sicura di questo amore
come io sono sicuro di te.

Oh vita, oh vita mia,
Oh cuore di questo cuore,
sei stato il primo amore
e il primo e l’ultimo sarai per me!

Quante notti che non ti vedo,
non ti sento tra queste braccia,
non ti bacio questa faccia,
non ti stringo forte tra le mie braccia!
Ma, svegliandomi da questi sogni,
mi fai piangere per te!

Oh vita, oh vita mia,
Oh cuore di questo cuore,
sei stato il primo amore
e il primo e l’ultimo sarai per me!

Scrivi sempre che sei contenta,
io non penso che a te solamente.
Un pensiero mi consola,
che tu pensi solamente a me.
La più bella tra le belle,
non è mai più bella di te!

Oh vita, oh vita mia,
Oh cuore di questo cuore,
sei stato il primo amore
e il primo e l’ultimo sarai per me!