a napoli si dice

Modi di dire napoletani: 500 detti tradotti e commentati

Raccolta di modi di dire napoletani, alcuni dei quali sono assolutamente intraducibili in altra lingua. Detti che fanno parte del ricchissimo patrimonio culturale partenopeo. Molti hanno un retaggio molto antico e sono frutto di eventi particolari. I napoletani riescono a tradurli e interpretarli con molta facilità ma sono tanti anche quelli che hanno una storia propria che in pochi conoscono.

 

A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  Z

 

Per utilizzare la ricerca di una parola o una frase su questa singola pagina utilizzare il tasto funzione F3 

 

 

A

 

A ‘bbona ‘e Ddio.

Che Dio ce la mandi buona. Agire senza un programma ben definito affidandosi alla buona sorte.

A botta ‘e stiente

Stentando. Raggiungere uno scopo con enorme fatica. Tirare avanti in maniera misera.

A capa ‘e l’ommo è na sfoglia ‘e cepolla.

Il cervello è come una sfoglia di cipolla. Quando una persona perde la testa e compie un gesto sconsiderato. Indica la facilità con la quale in una situazione particolare anche il più pacifico degli uomini può avere delle reazioni incontrollate.

 ‘A carne asotte e ‘e maccarune ‘a ‘coppa.

La carne sotto e i maccheroni sopra. Un capovolgimento dei meriti dei più validi a vantaggio degli stupidi.

 A chi tanto, e a chi niente.

La vita favorisce sempre i più fortunati.

 ‘A copp’ ’a mano.

Esprimere il proprio punto anche quando non richiesto. Ma anche un controbattere. In italiano si potrebbe tradurre con “a sua volta”.

  ‘A copp’ ‘a copp’.

Da sopra da sopra. Fare un lavoro senza metterci troppo impegno. O la richiesta specifica di fare qualcosa senza curare troppo i particolari. 

 A core a core.

A cuore a cuore. Tenerezze tra innamorati ma anche ironicamente l’insolito confabulare e il pettegolare di due persone.

A craie a craie.

Craie è il verso della cornacchia, ma nel napoletano antico significava “domani”. Quindi in pratica un “di giorno in giorno”. L’abitudine di rimandare continuamente gli impegni senza mai portarli a termine.

 faccia ‘e chi ce vò male.

Alla faccia di chi ci vuole male! Manifestare la propria soddisfazione quando di beneficia di un evento favorevole.

A faccia mia sott’ e piede vuoste.

La faccia mia sotto i piedi vostri. Un’espressione servile di esagerato rispetto nel rivolgersi ad una persona autorevole. Ma principalmente è usata in maniera ironica durante un’accesa discussione con punti di vista contrapposti.

A fìglia ’e dòn Camìllo: tutt’a vònno e nisciùno s’a pìglia.

La figlia di don Camillo: tutti la vogliono e nessuno la piglia. Non è riferito in senso stretto ad una ragazza ma ad oggetto in apparenza molto ambito ma ma nella realtà privo di interesse.

A iurnata è ’nu muorzo.

La giornata è un morso, è breve. È un invito a darsi da fare a chi tentenna troppo, in senso concreto o figurato.

A mala nuttata e a’ figlia femmena!

La cattiva nottata e la figlia femmina. Fino a pochi anni fa l’aspirazione dei padri era il figlio maschio. Di conseguenza la figlia femmina nata in una notte travagliata era un doppio guaio. Un detto quindi riferito alla coincidenza di due eventi negativi.

A mana è bona: è ’a valanza ca vo’ essere accisa…!

La mano è buona: è la bilancia che vuol essere uccisa! Il tentativo del colpevole di far ricadere la colpa su chi è perfettamente estraneo alla vicenda. Così come il venditore disonesto attribuisce il comportamento truffaldino ad un difetto della bilancia allo stesso modo colui che agisce in malafede attribuisce la colpa ad una causa improbabile.

A’ maronna t’accumpagna.

Che la Madonna ti accompagni. Frase divenuta ancor più celebre dopo che il cardinale Sepe la utilizzò in occasione della sesta edizione della campagna di sensibilizzazione sulla sicurezza stradale: “A Maronna t’accumpagna… ma chi guida sei tu!”. Cioè la protezione della Madonna potrebbe non bastare quando l’imprudenza diventa eccessiva. In generale l’augurio che si rivolge a chi si mette in viaggio o si appresta ad una nuova avventura.

A mente a mente.

Proprio mentre lo stavo pensando. Mi hai tolto la parola di bocca. Era proprio quello che stavo per dire.

A mise ’a lengua into ’o pulito.

Ha messo la lingua nel pulitoSi dice di persona che contrariamente al solito si sforza di usare un linguaggio più raffinato. Un commento ironico al tentativo faticoso di una persona abitualmente scurrile di usare un linguaggio forbito. Ma si dice anche di una persona molto semplice che nel rapporto con un mondo ritenuto più acculturato utilizza un linguaggio che non gli è consono.

A mosca dint’o viscuvato.

La mosca nella cattedrale. Di solito non si usa in senso figurato ma più in concreto. Un oggetto troppo piccolo rispetto alle dimensioni che avrebbe dovuto avere per servire allo scopo. Misero.

A na recchia me trase e all’ata me jesce.

Da un orecchio mi entra e dall’altro mi esce. Non mi sfiorano neanche le tue considerazioni. Puoi dire tutto quello che vuoi tanto io nemmeno ti ascolto. Può indicare anche la persona che fa orecchie da mercante. 

A pisce fetiente.

A pesci puzzolenti. Degenerare di una discussione dopo una fase di pareri contrapposti. Si tratta di uno scontro che può concludersi con le parole o con atti violento ma di sicuro con conseguenze difficili da sanare. 

A pesielle ne parlammo.

A pieselli ne parliamo. Cioè ne riparleremo quando i piselli saranno maturati. Non è ancora il momento ne riparleremo quando sarà il momento. 

A refrische ’e ll’anime d’o priatorio.

A suffragio delle anime del Purgatorio. Preghiere per alleviare le pene delle anime del Purgatorio. È una ulteriore espressione del rapporto che hanno i napoletani con il culto dei morti. Un esempio monumentale di questo culto è riscontrabile nella storia del Cimitero delle Fontanelle, un ossario contenente  decine di migliaia, forse milioni di resti umani. I resti delle “anime pezzentelle”, ovvero delle persone povere che vi sono state sepolte. Intorno a questi resti, ai teschi per la precisione, si sviluppò un fenomeno che stava raggiungendo livelli di feticismo e superstizione molto esasperati per cui nel 1969 l’allora arcivescovo di Napoli, Cardinale Ursi, fece chiudere il sito. Che comunque è stato messo insicurezza e riaperto nel 2006, dapprima per pochi giorni nel Maggio dei Monumenti a adesso tutto l’anno diventando nonostante la sua macabra connotazione un’affascinante attrazione turistica.

A scigna ’ngopp’o’ rucchiello.

La scimmia sul rocchetto. Il rocchetto è cilindro intorno al quale è avvolto il filo per cucire. Nel detto però sono da intendersi i cilindri rotanti dei circhi sui quali le scimmie cercano di rimanere in equilibrio. In alcune occasioni si riferisce  ad una persona sgraziata o ridicola. Ma spesso indica una persona, ma anche un bambino, che per qualche motivo si sono posti in una situazione di equilibrio instabile. Non viene mai utilizzata in senso figurato.

A sciorta d’o piecoro: nasce curnuto e more scannato!

La fortuna dell’agnello, nasce cornuto e muore sgozzato! Una persona contro cui la vita si accanita in tutti i modi. Un predestinato alla malasorte.

A sciorte ’i cazzette: iette pe ppiscià e se nne carette.

La fortuna di cazzetto: andò per urinare e se ne cadde (il pene). Sfortunati che di più non si può. Persino nelle azioni che sembrano orientate al successo la sfortuna si accanisce contro di lui.

A stracce e petacce.

A stracci e brandelli. Dare o fare le cose tra mille lungaggini. Magari anche ad arte, nella speranza che con il protrarsi del tempo l’incombenza possa abortire.

 A tale e quale.

La tale e quale. La fotografia.

A ting-tang.

La bicicletta.

’A vecchia ‘o Carnevale.

La vecchia del Carnevale. Nel simbolismo religioso della tradizione napoletana rappresenta la Quaresima: una vecchia brutta e grinzosa, vecchia e sdentata con un Pulcinella sulle spalle che gli tiene le gambe strette sui fianchi. La metafora del passaggio dal Carnevale alla Quaresima. In senso figurato indica una donna particolarmente brutta, abbigliata e truccata in maniera eccessiva.

’A vecchia putente.

La vecchia potente. Sant’Anna, madre della Madonna. Venerata in gran parte del Meridione è anche protettrice di Boscotrecase, località salvata da un suo miracoloso intervento. Infatti durante l’eruzione del Vesuvio del 1906 il popolo terrorizzato, contro il volere del parroco, “sequestrò” la secentesca statua lignea di Sant’Anna e la portò in processione nel vallone dove più pericolosa scorreva la lava. I fedeli inginocchiati intorno alla statua, piangevano e pregavano invocando protezione. Ed ecco che il miracolo supplicato arrivò: la lava, rallentò dapprima e poi si fermò. Esaurì la sua forza e si fermò a una decina di metri dalla statua di Sant’Anna. Questi eventi sono narrati anche da Matilde Serao sul quotidiano che dirigeva all’epoca, Il Giorno.

’A zizzona e Battipaglia.

La grande zinna di Battipaglia. È una mozzarella di bufala prodotta a Battipaglia, caratterizzata dalle enormi dimensioni, fino a 5 chilogranni, e da una punta a forma di capezzolo: quindi la forma di un prosperoso seno femminile. Portata in auge dal film “Benvenuti al Sud” è divenuta marchio registrato e ha fatto nascere il Festival della Zizzona, che si conclude, e non potrebbe essere diversamente, con l’elezione “Miss Zizzona”: ragazza con un seno ultra prorompente. Questa squisitezza non ha potuto ottenere il marchio di mozzarella campana doc, nonostante lo a tutti gli effetti lo sia, a causa della sua caratteristica principale: il peso. Infatti per ottenere il marchio doc la mozzarella non deve superare il peso di 800 grammi.

A zeffunno.

In quantità enorme. Chiove a zeffunno: “piove a secchiate”, cade una pioggia torrenziale. Tené ‘nu zeffunno ‘e denare: è ricco sfondato. ‘Nce aggio apizzato denare a zeffunno: ci ho rimesso una quantità enorme di denaro.

Accìrete!

Ammàzzati! Potrebbe sembrare un chiaro invito al suicidio ma in effetti la ferale esclamazione il più delle volte è usata tra amici per mandarsi a quel paese. Tradotta in altri termini: poiché sei un incapace, un essere inutile, perché non ti ammazzi e la fai finita?

«Acquajuo’, ll’acqua è fresca?» «Manc’ ’a neve!»

«Acquaiolo, l’acqua è fresca?» «Più della neve!» Un modo stupido per chiedere al diretto interessato com’è la merce che vende. O comunque a richiedere il parere ad una persona direttamente coinvolta immaginando di poter ottenere una risposta disinteressata.

Addò l’haie fatto ’o pumpiere? Int’ ’a vasca d’’e capitune?

Dove l’hai fatto il pompiere? Nella vasca dei capitoni? Un modo per deridere colui che cerca di mostrare capacità che non possiede.

Addó vaie c’ ’o ciuccio? 

Dove vai con l’asino? Calmati perché stai correndo un po’ troppo misura le tue pretese.

Addò vede e addò ceca.

Dove vede e dove è cieco. Chi vede solo quello che gli fa comodo o agisce in maniera troppo parziale.

Aglie, fravàglie e fattura ca nun quaglie.

Aglio, fragaglia, e fattura che non coglie. Formula contro il malocchio resa famosa da Pappagone-Peppino De Filippo: «Aglio, fravaglio, fattura ca nun quaglio, corna, bicorna, capa r’alice e capa r’aglio».

Aiutammo ’a varca!

Aiutiamo la barca! Quando la situazione diventa difficile serve la mano di tutti gli interessati. Se la barca affonda chiunque voglia voglia sopravvivere volente o nolente deve darsi da fare.

Aìza ncuollo.

Togliti di torno! Non sei più gradito quindi cerca di sparire al più presto. Alza i tacchi  Sparisci!

Aje cacciato sta vongola!

Hai tirato fuori questa vongola! Il commento all’affermazione di una persona che ha usato un’espressione particolarmente volgare e inopportuna.

All’anema da’ palla!

All’anima della balla! Questa sì che l’hai sparata grossa.

Alla sanfrason.

Dal francese sans façon. Fare qualcosa alla carlona, con superficialità senza criterio, in maniera negligente e svogliata.

Allerta pe scummessa.

In piedi per scommessa. Una persona che per motivi fisici o morali appare molto instabile. Traballante. Il consiglio a non fare troppo affidamento su qualcuno perché le sue condizioni sono troppo precarie.

Ammesùrate ’a palla!

Misurati la palla! Attenzione a quello che fai. Renditi conto della tua reale forza.

Ammiscà ’a lana c’a seta.

Mischiare la lana con la seta. Mettere sullo stesso piano cose o persone di ben diverso valore. L’equivalente di fare di tutta l’erba un fascio. Equiparabile anche al biblico “non mischiare il grano con il loglio” (una pianta più nota come zizzania).

Annuzzà ’ncànna.

Non riuscire ad ingoiare il boccone. Perdere qualcosa che si poteva ritenere acquisita.

Antrasatta.

All’improvviso.

Appiccia ’na pippa.

Accende una pipa. Si dice di una persona che appena attacca a parlare non si ferma più incurante del fastidio che potrebbe arrecare e dell’insofferenza degli interlocutori.

Appizzà ’e recchie.

Tendere le orecchie. Prestare attenzione a quello che si ascolta.

Armammece e gghiate!

Armiamoci e andate! Il criterio che utilizza colui che fa grandi progetti, programma grandi impegni ma autoescludendosi e facendo affidamento solo sugli altri per la realizzarli.

Arrassusia.

Lontano sia. Dio non voglia! Non sia mai! ma anche in senso ironico: casomai.

Assa’ fa’ ’a Maronna.

Lascia fare alla Madonna. Affidati alla Madonna ma anche ringrazia la Madonna perché tutto si è risolto per il meglio.

Assiccà ’o mare cu ’a cucciulella.

Prosciugare il mare con una piccola conchiglia. Vivere in ristrettezze con mezzi appena sufficienti a tirare avanti. Cercare di raggiungere uno scopo con mezzi assolutamente inadeguati

Assistito o cabbalista.

Tra i giocatori del lotto esisteva la convinzione che alcuni soggetti avevano il dono della divinazione. Erano i cabalisti, detti anche assistiti, che fornivano i numeri da giocare in cambio di un piccolo compenso.

Astreco e cielo.

Lastrico solare e cielo. Definizione per un alloggio all’ultimo piano di un immobile.

Aumm aumm.

Parola onomatopeica che si potrebbe tradurre con: “acqua in bocca”. In gran segreto. Di solito riferito a qualcosa di poco pulito da realizzare clandestinamente. 

Avanzaie Garibarde, avanze pure tu!

Avanzò Garibaldi, avanza anche tu! Modo scherzoso per ritardare un pagamento. Se avanzò Garibaldi per conquistare l’Italia puoi avanzare (aspettare) anche tu prima di riscuote quanto ti debbo. Il creditore ovviamente non sempre apprezza questa battuta “scherzosa”.

Azz!

Perbacco!

Azzeccarse comm’a na sanguetta.

Attaccarsi come una sanguisuga. Persona estremamente invadente e fastidiosa.

Azzuppà ’o ppàne.

Inzuppare il pane. Divertirsi a fomentare una discussione accesa con le proprie battute.

  

B

 

Bell’e bbuono.

All’improvviso. La rottura di un equilibrio. Quando tutto sembrava andare bene, di colpo scoppia l’imprevisto.

Bene mio e core mio.

Bene mio e cuore mio. Mostrare affetto ipocrita per una persona che al contrario si detesta ma si ritiene utile per raggiungere i propri scopi.

Bonanotte ’o sicchio!

Buona notte al secchio. Non c’è più niente da fare al pari del secchio che se precipita in fondo al pozzo non si può più recuperare.

Bona notte ai sunature!

Buonanotte ai suonatori! Una sorta di rassegnazione agli eventi: lasciamo perdere tanto ormai è fatta. Un punto fermo ad una situazione ormai irreversibile.

 Bubbazza.

Un intruglio disgustoso. Un alimento immangiabile. Una produzione molto scadente 

Buono sì, ma fesso no.

Sono buono, ma non fesso. Avvertimento a chi sta confondendo la disponibilità per stupidità. Di solito chi lo dice è arrivato all’esasperazione dopo essere stato beffato più volte.

 

C

 

Caccia’ fuoco pe’ l’uocchie.

Gettare fuoco dagli occhi. Infuriato. Con una rabbia difficile da contenere.

Campà justo justo.

Vivere giusto giusto. Vivere con le risorse appena necessarie alla sopravvivenza. Fare i salti mortali per arrivare alla fine del mese.

Cantà a ffronna ’e limone.

Cantare a fronda di limone. Canto dei venditori al mercato per richiamare gli acquirenti alla propria postazione. È anche un canto gergale e non comprensibile dai secondini per mandare dall’esterno messaggi ai detenuti

Capa sciacqua.  

Testa vuota. Persona di scarsa intelligenza ma anche inaffidabile. Ragazzo persona che nopn ne vuole sapere di “mettere la testa a posto”.

Càpe ’e pèzze.

Teste di pezze. Con ironia e senza simpatia si riferisce alle suore. Lo spunto è dettato dal velo che copre interamente la testa delle monache lasciando fuori solo il viso.

Caporà è mmuorto ’alifante!

Caporale, è morto l’elefante. Chi continua a vantarsi di un passato che non esiste più. Il caporale era un vecchio soldato a cui Carlo di Borbone aveva affidato le cure di un elefante ricevuto in dono dal sultano di Turchia. Di questo incarico il militare ne fece un titolo di vanto e continuò a farlo quando, malauguratamente per lui, l’elefante morì. Ma dovette subire gli sberleffi impietosi del popolo napoletano: «“capurà è mmuorto ‘alifante nun si cchiu’ nisciuno».

Castagnelle p’abballà.

Castagnette per ballare. Le nacchere

Cazziata.

Energica ramanzina. Termine poco elegante ma molto efficace per indicare una paternale di quelle che non si dimenticano.

Cca ’e ppezze e cca ’o ssapone.

Qui gli stracci e qui il sapone.Nessun pagamento posticipato. Pagamento cash alla consegna. Questo detto riporta ad un personaggio storico della tradizione napoletana: ’o sapunaro (il saponaio). Era un rigattiere ambulante che andava in giro raccogliendo abiti e oggetti usati barattandoli, in tempi più antichi, con sapone artigianale. Si potrebbe tradurre anche con un’antica formula circense utilizzata oggi in maniera ironica: pagare moneta, vedere cammello

Cca nisciuno è fesso.

Qua nessuno è fesso. In risposta a chi avanza proposte che vanno tutte a suo vantaggio ritenendo di poter ingannare l’interlocutore. La frase resa famosa anche da Totò che la strillò in una scena del film Totò d’Arabia.

Ccà sotto non ce chiove.

Qui sotto non ci piove. La frase è accompagnata dal gesto del dito indice puntato sotto il palmo della mano che funge da tettoia. Una minaccia nemmeno tanto velata che il torto subito non verrà dimenticato e sarà vendicato anche a distanza di anni. Comunque non si riferisce a vendette sanguinarie ma solo di risposte in tema a comportamenti deplorevoli di cui si è rimasti vittima.

Ccà stanno ’e guaghiune vuoste!

Qui ci sono i ragazzi vostri! Espressione scherzosa per indicare la propria disponibilità a seguire le istruzioni di una persona più preparata

Cchiú nera d’ ’a mezanotte nun po’ venì!

Più nera della mezzanotte non può venire! Ormai è andato tutto nel peggiore dei modi. Abbiamo raggiunto il fondo. Adesso dobbiamo soltanto sperare di poter risalire.

Ce dice.

Si addice. Un buon abbinamento.

Che m’ammacche?

Che vai cianciando? Ma che assurdità mi stai raccontando?  Quali sciocchezze stai mettendo insieme.

Chesta è ’a zita e se chiamma Sabella.

Questa è la ragazza e si chiama Isabella. Questa è la situazione e non c’è nient’altro che posso fare per te, quindi ti devi accontentare o rassegnare!

Chi m’a cecato?

Chi mi ha accecato. Ma chi me l’ha fatto fare di impelagarmi in questa situazione? Come ho fatto ad essere così cieco da non accorgermi del guaio in cui mi stavo cacciando?

Chi vene appriesso s’u chiagne.

Chi viene dopo se lo piange. Se la sbriga il prossimo che arriva.Tirarsi fuori da una situazione difficile lasciando ai successori tutti i problemi irrisolti.

Chiachiello.

Persona di poco valore. Un chiacchierone che alle parole non fa mai seguire i fatti. Un uomo che non onora la parola data.

Chiochiaro.

Babbeo. Persona goffa, imbranata, impacciato, grossolano.

Chiste è u paese ’i Mastu Rafele.

Questo è il paese di Mastro Raffaele. Luogo dove ognuno fa il comodo suo e il caos regna sovrano.

Chiste so’ nummere!

Questi sono numeri! Cose da pazzi! Come è possibile? La straordinarietà di questi fatti merita la ricerca dei numeri equivalenti sulla Smorfia per poterli giocare al Lotto.

Ciaccà e medecà.

Colpire a sangue e medicare. Rimproverare o redarguire in maniera dura per poi addolcire la pillola con qualche considerazione favorevole.

Ciceremmuolle.

Ceci ammollati. Complimenti eccessivi che possono sfociare nella piaggeria. Atti eccessivi di ossequio ma non sempre disinteressati. 

Ciuccio ’e carretta.

Asino di carretta. Un gran lavoratore. Uno stacanovista.

Ciuciulià.

Sussurrare, bisbigliare. Ma specialmente pettegolare.

Ciuotto ciuotto.

Sazio sazio. Riempito oltremisura da una grossa abbuffata.

Comm’a che!

Che di più non si può! Un qualcosa che rappresenta il massimo. Gruoss comm’a che: grandissimo, enorme.

Comm’è bera ’a morte.

Com’è vera la morte! Sicuro come la morte. Puoi essere certo di quello che ti sto dicendo. Puoi fare pieno affidamento.

Comme ’a mettimmo nomme?

Come le mettiamo nome? Come la chiamiamo? Una circostanza che si è complicata in maniera imprevista. Il problema è che sembra anche molto difficile trovare una soluzione.

Comme Dio cumanna.

Come Dio comanda. In maniera perfetta. Un lavoro fatto con grande professionalità.

Cravatta a rabbà.

La cravatta à rabat. Sorta di cravatta non annodata e rivoltata a larghe falde.

Cricco, Crocco e Manicancino.

Martinetto, Gancio e Mano con l’uncino. Combriccola di manigoldi. Ma di solito viene usato in maniera scherzosa per indicare un gruppo di sfaccendati il cui unico impegno è bighellonare.

Crisce santo.

Cresci santo. Si dice ai bambini dopo che hanno starnutito. Equivale al “salute!” per gli adulti

Cu ’e pacche dint’a ll’acqua. 

Con le natiche nell’acqua. Essere in condizioni economiche disastrose. Aver toccato il fondo.

Cu nna fúna ’ncànna.

Con un cappio alla gola. Fare qualcosa perché si è costretti. Senza alternativa. Controvoglia. 

Cu ’o culo ’a fossa.

Con il culo nella fossa. Macabra ironia per indicare uno che è molto malridotto se non prossimo alla morte. L’equivalente dell’italiano “sta con un piede nella fossa”. Espressione che si usa spesso contro una persona che nonostante le preoccupanti condizioni fisiche continui a comportarsi in maniera detestabile. 

Cunzèrva ’e pummaròla.

La conserva di pomodoro. Una passata di pomodoro che seccata al sole diventava molto ristretta. Veniva usata, e viene usata anche adesso in confezioni industriali, come concentrato da aggiungere al ragù, alla pasta e fagioli, in tante altre salse e minestre.

Cuoncio cuoncio.

Piano piano. Con calma, senza correre. Senza far male. Senza affaticarsi.

Cuopp’allesse.

Involto di castagne lesse. Una donna sciatta e poco attraente. Sgraziata e brutta.

Curnuto e mazziato.

Cornuto e bastonato. Dopo il danno la beffa. Quando ad un affare andato male si aggiunge un danno ulteriore.

Curto e male ’ncavato.

Basso e male incavato. Può avere diverse accezioni. Positiva quando si riferisce a qualcosa di piccolo ma con notevoli virtù. Come la botte piccola che contiene il vino buono. Oppure ad un bambino che nonostante la giovane età sia molto perspicace. Nell’accezione negativa indica una persona bassa e perfida.

 

D

 

Darse ’e pizzeche ncopp’ ’a panza.

Darsi i pizzichi sulla pancia. Essere costretti a sopportare. Fare buon viso a cattivo gioco.

Dicette Pulecenella: pe’ mmare e pe’ ccielo nun ce stanne taverne.

Disse Pulcinella: per mare e per cielo non ci sono taverne. Un’atavica paura. Un disastro in mare o in volo difficilmente lascia scampo.

Dicette ’o pappecio vicino ’a noce: damme ’o tiempo ca te spertoso.

Disse il verme alla noce: dammi il tempo che ti perforo. Con la pazienza si può raggiungere qualsiasi scopo.

De gustibus non est sputacchiandum.

Deformazione lessicale, in chiave ironica, del proverbio latino “De gustibus non est disputandum”. Ironicamente mette in luce l’inutilità di dare consigli a chi, nonostante un comportamento per noi incomprensibile, appare ben deciso a portare avanti le sue convinzioni. Qualcosa di simile a: “tutti i gusti sono gusti”.

Dimane ’o gallo canta matina.

Domani il gallo canta di primo mattino. Domani dobbiamo alzarci molto presto quindi cerchiamo di non andare a letto troppo tardi.

Dint’ ’a na vutata d’uocchie.

Nel volgere di sguardo. In un lampo, in un baleno. Potrebbe l’azione di un borseggiatore. Oppure la distrazione di un attimo che ha conseguenze più o meno gravi.

Dio ’o sape e a Maronna ’o vere.

Dio lo sa e la Madonna lo vede. Così si risponde a chi viene a fare delle richieste inopportune in momenti difficili. “Io a stento riesco a tirare avanti e tu vieni a chiedere di aiutarti?”

Don Giuvanne u tène nnanze e u va ascianne arrete.

Don Giovanni lo tiene davanti e lo cerca dietro. Frase chiaramente allusiva e piuttosto prosaica ironizza su chi non si accorge di avere davanti agli occhi quello che sta cercando. 

Doppo arrubbato Santa Chiara mettette ’e porte ’e fierro.

Dopo che fu derubata la Basilica di Santa Chiara mise le porte di ferro. Provvedere troppo tardi a proteggere quello che doveva essere preservato prima con maggior cura. Equivalente del proverbio italiano “chiudere la stalla dopo che sono scappati i buoi.

Durmì c’ ’a zizza mmócca.

Dormire con la mammella in bocca. Come il bambino che placidamente allatta al seno della madre non accorgersi di quanto avviene intorno. Sempliciotto, sprovveduto.

 

E

 

È a luongo ’o fatto!

Il fatto è lungo! Una faccenda che si protrae più del previsto nel tempo.

È asciuto pazzo ’o patrone.

È impazzito il padrone. Potrebbe apparire come il comportamento di un avaro che improvvisamente diventa prodigo oltre ogni limite. Invece è il richiamo di un venditore al mercato che invita i clienti ad acquistare i suoi prodotti  super ribassati. Un prezzo talmente basso che può  essere attribuito solo alla sua improvvisa follia.

È asciuto ’o sole a mezanotte.

È spuntato il sole a mezzanotte. Grazie ad un imprevedibile colpo di fortuna si è risolta una situazione che sembrava disperata.

E cane dicenno.

Dicendolo per i cani. Sperando che questo non succeda mai. Dio ne scampi! Annunciare una possibile sventura ma facendo tutti gli scongiuri possibili.

È cchiù ’a spesa ch’a ’mpresa.

È più la spesa che l’impresa. I costi sono superiori ai vantaggi che si potrebbero trarne. Non ne vale la pena. 

È fernuta ’a zezzenella.

È finito il latte della piccola mammella. È finita la pacchia. Piaceri e benefici non sono eterni e prima o dopo arriva il momento di ritornare alla realtà.

E ffodere cumbattono e ’e sciabbule stanno appese.

I foderi combattono e le sciabole restano appese. I meno capaci assumono dei ruoli che invece toccherebbero ai più idonei. Ma anche in senso opposto per indicare coloro che preposti a svolgere con competenza determinati compiti se ne disinteressano, lasciando ad altri la responsabilità di farsene carico.

È gghiuta ’a cart ’e musica ’mmane ’e barbiere.

È andato a finire lo spartito in mano ai barbieri. Si dice quando dei compiti che richiedono grande preparazione vengono affidati a degli incompetenti. Con buona pace dei barbieri tirati in ballo loro malgrado come esempio negativo.

È na varca scassata.

È una barca sgangherata. È una situazione fuori controllo. È un progetto che non ha né capo né coda.

E piere ’e Pilato.

Ai piedi di Pilato. Essere in condizioni di estrema miseria. Ponzio Pilato è noto per aver condannato a morte Gesù su pressione della piazza. Nella prefettura della Giudea, Pilato era l’unica autorità in grado di decidere una condanna a morte. Colui che sta ai suoi piedi non ha altri santi a cui votarsi.

’E pizzeche ’ncopp’ ’a panza.

I pizzichi sulla pancia. Essere costretti a sopportare. Fare buon viso a cattivo gioco. Rassegnarsi alla scomoda realtà dei fatti.

È stato pigliato cu ’o llardo ncuollo

È stato preso con il lardo addosso. È stato colto in flagrante con la refurtiva. È stato colto con le mani nella marmellata.

E stramacchio

Di nascosto. Fare o appropriarsi di qualcosa furtivamente, con un sotterfugio. Alla chetichella.

E tiritittittì!

E tiritittittì! Un’espressione vivace per rispondere, manifestando indifferenza, ad un’accusa o ad una velata minaccia. “E be’? Cosa vuoi che m’importi? Me ne frego!”. 

È trasuto ’e sicco e s’è avutato ’e chiatto.

È entrato di secco e si è girato di grasso. È entrato timidamente, con molta umiltà ma con il passare del tempo ha consolidato la sua posizione e ormai è diventato molto arrogante.

È venuto ’o Pat’abbate ’e ll’acqua.

È venuto (giù) il Padre Abate dell’acqua. Si è scatenata una tempesta ed è venuto giù un vero diluvio. Oggi potremmo parlare anche una bomba d’acqua.

È zumpata ‘a vacca ‘ncuollo ‘o vuoio.

È saltata la vacca addosso al bue. Sta succedendo qualcosa che va al contrario della logica comune. Contro le leggi della natura.

Essere cchiù luongo d’ ’a misericordia ’e Dio.

Essere più lungo della misericordia di Dio. Persona di statura molto alta.

Essere ’na Die ’e femmena

Essere una “Dio di donna”. Una donna conturbante dalle forme molto vistose e appetibili. In qualche caso anche nel senso di “gran donna” per qualità e personalità che vanno oltre la bellezza.

 

F

 

Fa’ ’a seccia.

Fare la seppia. Gufare. Portare sfiga. Agire da iettatore.

Fa ’a visita d’ ’o miedeco.

Fare la visita del medico. Fare una visita brevissima. Una visita puramente formale.

Fà ’a vìsita ’e sant’Elisabetta.

Fare la visita di sant’Elisabetta. Fare una visita lunghissima.

Fa acqua a’ pippa.

Fa acqua la pipa. Fumare senza tabacco. La situazione economica è pietosa.

Fa’ ’e cose cu e stentine ’mbraccio.

Fare le cose con gli intestini sulle braccia. Far le cose solo perché si è costretti a farle e di conseguenza farle male. Questo modo di dire si adatta bene a tante situazioni della nostra vita quotidiana. L’impiegato, la commessa, il medico, l’infermiere, tutte quelle figure di cui siamo clienti o utenti che si comportano con noi in modo svogliato e senza cortesia. Questa gente “fa’ ’e cose cu e stentine ’mbraccio”.

Fa’ e ’nu pilo ’na trave.

Fare di un pelo una trave. Esagerare i problemi. Trasformare delle bazzecole in gravi tragedie. 

Fa fesso ’o stommaco.

Far fesso, ingannare lo stomaco. Mangiare una piccola cosa solo per sostenere lo stomaca in attesa di mangiare in maniera soddisfacente. Uno spuntino. La risposta ad un languorino dello stomaco.

Fa fetecchia .

Fa cilecca. 

Fà ’e cofecchie .

Fa le cofecchie: confabula. Fare delle azioni non necessariamente cattive anche se piuttosto circospette. Pettegolezzi.

Fa ll’arte de Francalasso ; magna, bbeve, e se sta a spasso.

Fa il mestiere di Francalasso: mangia, beve e sta a spasso. È uno scansafatiche. Una persona che vive alle spalle di altri senza alcuna voglia di lavorare. Una persona che trascorre la sua giornata bighellonando senza costrutto.

Fà magnà ’o limone.

Fare mangiare il limone. Il limone ha un sapore acre ed è quello che prova l’invidioso. Rodersi il fegato.

Fa’ ’na cosa ’e juorno ’e juorno.

Fai una cosa “di giorno”. Non perdere tempo. Sbrigati.

Fa na croce nera.

Tracciare una croce nera. Chiudere definitivamente qualsiasi forma di rapporto con qualcuno. Oppure ripromettersi di non cadere mai più in una situazione di cui si stanno scontando le conseguenze.

Fà na putecarella .

Una lite senza acredine. Avere un confronto polemico. Una discussione di cui si sarebbe volentieri fatto a meno.  Un batti e ribatti di varia entità.

Fà’ ’o cuollo luongo.

Fare il collo lungo. Attendere l’arrivo di qualcuno con ansia, con impazienza. L’azione classica di colui che alla fermata attende impaziente l’autobus, che non arriva mai, e continua a guardare con insistenza il punto dove dovrà materializzarsi l’oggetto del desiderio.

Fà ’o pàcco.

Fare il pacco. Commettere una truffa ai danni di qualcuno. Abbindolare. Fregare. Il detto deriva dalla classica truffa che veniva fatta ai turisti bonaccioni e sprovveduti. In pratica ai turisti venivano proposti cellulari, tablet, fotocamere, orologi di gran valore a prezzi irrisori. Ma il pacco che avevano visto le vittime rimaneva ai truffatori che con grande abilità lo sostituivano con un altro riempito solo di zavorra per fare peso.

Fa ’o paro e ’o sparo.

Fare pari e dispari. Difficoltà nel prendere una decisione perché si cerca di valutare troppo i pro e i contro. 

Fa’ ’o quatto ’e maggio.

Fare il quattro di maggio. Una volta era la data più comune per trasferirsi in una nuova casa. Infatti si può intendere come trasloco.

Fa ’o scemo pe’ nun ghi’ ’a guerra.

Fa lo scemo per non andare alla guerra. In concreto era il rimedio estremo che tentavano i ragazzi per evitare la leva, nonostante comportasse notevoli conseguenze anche per il futuro. In senso figurato è colui che fa finta di non capire per evitare un compito sgradito o evitare le conseguenze di qualche errore.

Fa’ o zeza.

Fare il “zeza.” Fare il cascamorto, il galletto. Corteggiare in maniera svenevole e languida.

Fa’ ’o speziale.

Fare lo speziale. Fare un lavoro che richiede notevole impegno. Usato nel senso di: non farmi perdere tempo che c’ho da lavorare. Un lavoro che necessita di grande attenzione per cui non mi posso distrarre. 

Faccia ’e cuorno.

Faccia di corno. Faccia di corno. Faccia tosta. Faccia di bronzo. Che non si vergogna di niente. ma anche colui che è capace di negare l’evidenza.

Faccia ’ngialluta!

Faccia gialla! È l’appellativo con il quale le “parenti” di San Gennaro lo incitavano a compiere il prodigio della liquefazione del suo sangue quando l’attesa si prolungava.

Faccio capa e muro.

Faccio testa e muro. Arrovellarsi cercando una soluzione difficile da trovare. Molto spesso ci si riferisce alla difficoltà di tirare avanti sotto il peso delle difficoltà economiche.

Facesse ’na culata e ascesse ’o sole!

Facessi un bucato e uscisse il sole! Non me ne va mai bene una!

Facimmece ’a croce!

Facciamoci la croce! Cerchiamo di partire con il piede giusto!

Facimmece ’a croce, a primma matina!

Facciamo in segno della croce di prima mattina. In maniera scherzosa: cerchiamo di cominciare bene la giornata. Oppure quando qualcosa è già andato storto: abbiamo cominciato bene la giornata!

Fare ’a casa spingula spingula.

Fare la casa spilla spilla. Setacciare la casa o un qualsiasi luogo in ogni angolo e in ogni posto possibile alla ricerca di qualcosa che comunque non si riesce a trovare. Un’accurata perquisizione.

Fà ’e stentine fracete.

Fare gli intestini fradici. Rodersi le budella a furia di ripetere una richiesta senza ottenere risposta. 

Farese comme sorece nfuso a ll’uoglio.

Farsi come topo bagnato dall’olio. Essere completamente inzuppato dalla pioggia. Si dice anche di chi ha i capelli troppo unti di brillantina prodotti simili.

Farse afferrà pe’ pazzo.

Farsi immobilizzare come un folle. Perdere il controllo, andare su tutte le furie. È più una minaccia futura che un’azione immediata. La persona avverte che se le cose prendono una certa piega o nei suoi confronti verrà messa in atto un’azione ritenuta ingiusta la sua reazione sarà furiosa. Generalmente va intesa come violenza verbale e non fisica.

Farse comme ’a nu purptiell

Ridursi come un polpo. Il polpo è viscido perché composto per l’80 per cento d’acqua. Per similitudine una persona gronda acqua da tutte le parti dopo essersi trovata sotto un’acquazzone senza l’ombrello.

Fatt’e buono.

Bell’e fatto. Ritrovarsi o pretendere qualcosa che sia già pronto e non richiede alcun ulteriore intervento.

Fernesce tutto a tarallucce e vino.

Finisce tutto a tarallucci e vino. Dopo tanta tensione l’accesa discussione si conclude con una rappacificazione amichevole. Molto grave quando eventi molto gravi, anche di rilevanza penale, si concludono dopo anni e anni senza conseguenze per quelli che erano i colpevoli acclarati.

Fessarie ’e cafè.

Sciocchezze da caffè. Una discussione da bar che assume toni concitati specie quando l’argomento è la politica o il calcio ma di solito si stempera grazie all’intervento di qualcuno dei presenti che sdrammatizzando riporta tutti alla realtà dei fatti e alla futilità della discussione che stanno facendo: So’ fessarie ’e cafè!

Ffiglia ’e bbona crestiana.

Figlia di buona cristiana. Smaliziata, scaltra.

Figlio ’e ’ntrocchia.

Figlio di puttana.” Dritto, furbo, ragazzo molto sveglio, ammirato molto spesso per le sue abilità ma anche deprecato per la sua capacità di usare la sua scaltrezza per causare danni. Del resto il figlio di una puttana non vive in un ambiente particolarmente raffinato quanto piuttosto nel mondo del malaffare.

Foss’ ’a Madonna!

Fosse la Madonna. Volesse il Cielo! Almeno fosse!

Fosse angiulo ’a vocca vosta.

Fosse angelo la bocca vostra! Così come si avverò l’annuncio che l’Angelo fece alla Madonna allo stesso modo speriamo che possa avverarsi quello che mi augurate.

Frijenno magnanno.

Friggendo mangiando. La caratteristica del cibo fritto è quello di consumarlo appena tolto dalla padella. Allo stesso modo alcune cose richiedono di essere fatte con molta celerità per poterle utilizzare. 

Frijere ’o pesce cu ll’acqua.

Friggere il pesce con l’acqua. La scarsità di mezzi costringe a sopravvivere utilizzando mezzi inadeguati allo scopo. Vivere in condizioni economiche di massima precarietà.

Frisco ’e rezza.

Fresco di rete. Pesce appena pescato.

Funa fraceta.

Fune fradicia. Sfaticato, fannullone, mollaccione.

 

G

 

Gesù, Giuseppe, Sant’Anna e Maria!

Esclamazione di sorpresa per un evento strano, inaspettato o straordinario.

Ggesù chìste só nnùmmere!

Gesù questi sono numeri! Questo evento è talmente strano che forse sarebbe il caso di interpretare i numeri da giocare al Lotto!

Giorgio se ne vò ì e ’o vescovo ’o vò mannà!

Giorgio vuole andarsene e il vescovo lo vuole mandare via. Quando due persone hanno lo stesso desiderio ma poiché non lo sanno continuano a sopportarsi di malavoglia almeno fino a quando uno di loro non farà il primo passo. 

Gguaio ’e notte.

Guaio di notte. Un problema serio di notte sembra diventi ancora più grave. Quindi il guaio di notte è un problema di ulteriore gravità. Essere un guaio di notte riferito ad una persona indica un soggetto molesto, fastidioso, noioso e inaffidabile. 

 

H

 

Ha da passa’ ’a nuttata.

Deve passare la nottata. La famosissima frase tratta dalla commedia di Eduardo De Filippo: Napoli milionaria. Si riferisce a momenti di estrema difficoltà che sembrano non avere via d’uscita, come una notte buia. Ma una notte per quanto buia e lunga possa essere dovrà pur passare. È la speranza che aiuta a vivere e sopravvivere.

Haje truvato ’a forma d’ ’a scarpa toja.

Hai trovato la forma della tua scarpa. Hai finito di fare il comodo tuo, hai trovato la persona che saprà metterti in riga. Hai trovato pane per i tuoi denti.

Hanno fatto aummo aummo.

Hanno fatto tutto in segreto. Un progetto portato a termine senza dare nell’occhio. Un accordo raggiunto senza attirare l’attenzione.

Hê truvato ’America.

Hai trovato l’America. Hai trovato una fonte di ricchezza. Infatti l’America nell’immaginario collettivo era considerata la terra della speranza dagli emigranti che fuggivano la miseria dei nostri paesi. Lo stesso sogno che spinge molti africani a rischiare la vita per arrivare in un’Italia che non solo mal li sopporta ma neanche offre loro le opportunità sperate. Lo stesso che in pratica succedeva anche agli italiani che sbarcati in America non venivano certo accolti con la fanfara.

 

I

 

I’ dico ca chiove, ma no che diluvia.

Io dico che piove, ma non che diluvia. Sono d’accordo che la situazione è grave ma dire che sia irreparabile è un’esagerazione! Cerchiamo di non drammatizzare oltremisura!

Í ’nfreva.

Andare in febbre. Andare in collera. Stizzirsi per qualcosa che si è subito o che non si può sopportare. La rabbia generata da un’ingiustizia insopportabile. 

Iette pe’ se fa’ ’a croce e se cecaje n’uocchio.

Andò per farsi la croce e si accecò un occhio. Una persona talmente sfortunata da fallire anche nelle azioni più scontate. Uno sfigato senza speranze

Iì a fa’ ’o battesimo senz’ ’a criatura.

Andare a celebrare il battesimo senza il bambino. Partire per un’impresa senza l’elemento indispensabile. Come andare a caccia senza il fucile.

Io me faccio ’a Croce c’’a mano ’a smerza.

Mi faccio il segno della croce con la mano sinistra. Non riesco a credere a quello che succede. Questo fatto mi costringe a rivedere alcune certezze.

 

J

 

Jacovella.

Situazione confusa. Un inconcludente tira e molla. Una situazione poco seria

Jammmo a vere’.

Andiamo a vedere. Vediamo poi decideremo.

Jamme bell’, ja!

In senso letterale: Andiamo! Su, sbrighiamoci! In senso figurato: …e che esagerazione!, l’hai sparata grossa!

JJí mparaviso pe scagno.

Andare in Paradiso per errore. Trovarsi a beneficiare di una situazione favorevole senza averla cercata o meritata.

Jì truvann’ a Cristo a dint’ e lupini.

Cercare Cristo nei lupini. Essere cavilloso, pignolo fino all’esasperazione. Essere pretestuoso cercando il pelo nell’uovo.

Jurnata mosce.

Giornata moscia. Giornata di magra per gli affari. C’è poco movimento per i negozi. Sotto l’aspetto meteorologico: giornata uggiosa, cupa.

Justo justo.

Giusto giusto. La misura giusta. Ma anche: sei arrivato proprio al momento giusto, opportuno.

  

L

 

L’acqua è poca e ’a papera nun galleggia.

L’acqua è poca e la papera non sta a galla. Ci manca l’essenziale per tirare avanti. Non fare troppe richieste perché non ci sono le condizioni per poterle soddisfare.

L’acqua nfraceta li bastimiente a mare.

L’acqua infradicia le navi a mare. È quello che sostengono i bevitori di vino quando gli propongono di accompagnare i pasti con l’acqua invece che con il nettare di Bacco. 

Lasco de vrachetta.

Largo nella patta dei pantaloni. Donnaiolo, dongiovanni, libertino, puttaniere.

Lassamme fà ’a Dio.

Lasciamo fare a Dio. Non possiamo fare altro che sperare. Affidiamoci alla benevolenza di Dio.

Levà’ ’a purpètta ’a dint’a ’o piatto a uno.

Togliere la polpetta dal piatto di qualcuno. Sottrarre qualcosa ad una persona che ne era il giusto titolare o privarlo di una posizione acquisita. 

Levarse ’o sfizio.

Togliersi lo sfizio. Fare qualcosa per il puro piacere di farlo. Appagare un desiderio che si era a lungo coltivato ma senza poterlo mai realizzare.

Leve mane!

Leva le mani. Vattene via. Qua non sei il benvenuto togli il disturbo.

Li profunne de casa de lo Diavolo.

Le profondità di casa del Diavolo. L’Inferno. Con riferimento alla Divina Commedia e a Lucifero che occupa la parte più profonda dell’Inferno, l’ultima del quarto cerchio. In questa zona Lucifero passa il suo tempo a sbranare eternamente Giuda Iscariota, Cassio e Bruto. 

Lindo e pinto.

Lindo e lucido. Curatissimo ed elegante se riferito ad una persona. Pulitissimo se riferito ad ambiente o oggetto. 

Lisciabusso.

Un aspro rimprovero. Una vivace ramanzina.Volendo usare sinonimo più colorito “cazziata” rende maggiormente l’idea.

Lloco te voglio zuoppo, a sta sagliuta!

Qui ti voglio, zoppo, davanti a questa salita! Hai magnificato tanto le tue qualità e le tue capacità adesso è arrivato il momento di dimostrare nei fatti se quanto hai detto corrisponde a verità o sei solo un fanfarone. 

 

M

 

Ma che vaco mettenno ’a fune ’a notte?

Ma vado forse a mettere la fune di notte? Era una tecnica di rapina che consisteva nel tendere una fune tra i due lati di una strada buia, saltare addosso al primo malcapitato che vi inciampava e quindi rapinarlo. Di solito è la risposta che si dà a chi ha troppe pretese rispetto alla reale disponibilità economica di cui si dispone.

Maccarone.

Maccherone. Babbeo, fessacchiotto, sempliciotto.

Magnarse ’e maccarune.

Mangiarsi i maccheroni. Capire l’antifona. Intuire le vere intenzioni nascoste. 

[’O] Male e’ dindò.

Un male immaginario. Una scusa per sottrarsi a qualche incombenza poco gradita. Malato immaginario.

Mamma d’o Carmene .

Madonna del Carmine! Espressione di meraviglia, stupore: Incredibile!, Straordinario! Usata anche come espressione di paura equivalente a “mamma mia!”.

Mamma Schiavona.

La Madonna di Montevergine. Schiavona era il termine che designava tutte le Madonne nere di provenienza orientale. Nel 1154 la Madonna di Montevergine mise in ombra San Gennaro. Infatti in quella data Guglielmo il Malo, re normanno della Sicilia, regno che all’epoca che comprendeva l’intera Italia meridionale più Abruzzo e Molise, ritenne Benevento non fosse più luogo sicuro per le reliquie del santo. Temeva infatti che potessero essere trafugate per cui le fece traferire nell’abbazia di Montevergine.
In questo convento San Gennaro si ritrovò in un ruolo di comprimario. Infatti le divinità celebrate dai pellegrini che giungevano all’abbazia erano san Girolamo e appunto una Madonna detta Mamma Schiavona.
Con il passare degli anni e con l’assenza del culto fu dimenticato persino il luogo dove le ossa erano state sepolte.
Ossa che si sarebbero perse per sempre se il cardinale Giovanni d’Aragona, nel 1497, non fosse riuscito a ritrovarle sotto l’altare maggiore e riportarle a Napoli.

Mamma zezzella.

Mamma di latte. Nutrice. Balia.

Mamozio.

Babbasone. Uomo grosso e credulone, goffo e impacciato. Per risalire alle origini di questo modo di dire bisogna andare ai primi anni del 1700 quando a Pozzuoli durante gli scavi per la costruzione della chiesa di San Giuseppe venne fuori una statua senza testa. Rappresentava il console romano Lolliano Mavozio. Qualche improbabile restauratore penso bene di piazzarci una testa ma la scelse troppo piccola. Ne risultò un’immagine grottesca e comica con l’aspetto globale di un deficiente. Nel tempo i puteolani storpiarono anche il nome per cui Mavozio è diventato Mamozio.  

Magna magna.

Mangia mangia. La corruzione diffusa. Nei centri di potere non esistono controlli e tutti d’accordo si appropriano di tutto quello che è possibile. Sinonimo di “rubare”. L’idea più diffusa è che la politica sia tutto un “magna magna”.

[Tene’ ’a] Mangiatora vascia. 

Avere la mangiatoia bassa. Nelle stalle la mangiatoia viene tenuta bassa perché in caso contrario gli animali farebbero fatica a mangiare. In senso figurato la persona con la mangiatoia bassa è colui che beneficia di vantaggi che non provengono dal suo impegno e dalla sua disponibilità. Vive tra agi immeritati e ne approfitta per non impegnarsi a cercare una propria fonte di guadagno. 

Mannà’ a accattà’ o pepe.

Mandare a comprare il pepe. Cercare una scusa per allontanare qualcuno, in particolar modo un bambino, per evitare che ascolti un argomento da adulti.

Mannà ô paese ’e Pulecenella.

Mandare al paese di Pulcinella. Mandare qualcuno a quel paese.

Mannaggia ’a culonna.

Mannaggia la colonna! Per comprendere questa imprecazione bisogna risalire ad una colonna divenuta propiziatoria che si trovava a Napoli, in piazza Ottocalli, di fronte alla chiesa di SS. Giovanni e Paolo. I contadini si recavano alla colonna quando gli elementi della natura non erano favorevoli alle colture. Il parroco recitava sul lato destra un’orazione per la realizzazione delle aspettative. Con il passare degli anni la Chiesa però intervenne e fece abbattere la colonna perché la superstizione aveva superato di gran lunga la fede. Da questo aneddoto sarebbe nata la mezza imprecazione perché non potendo contare sull’aiuto della colonna le “vittime” ne maledicono l’abbattimento. 

Mannaggia ’a Marina.

Mannaggia la Marina! Imprecazione di disappunto espressa  in una forma che attutisce quella che potrebbe diventare una contumelia ben più blasfema, dopo un imprevisto mal digerito

Mannaggia a Bubbà!

Mannaggia Bubbà! Una imprecazione molto soft. Una sorta di accipicchia o acciderba. 

Mantené ’a cannéla.

Reggere la candela. Un tempo i fidanzati non uscivano da soli fino al matrimonio quindi potevano farlo sono se accompagnati da un’altra  persona o da un bambino: la candela. Anche in casa non gli era consentito di restare da soli nella stessa stanza per evitare effusioni amorose per cui anche in quel caso doveva esserci la “candela”. Anche se le origini del detto risalgono all’epoca romana quando era d’uso accompagnare con delle fiaccole accese  gli sposi. 

Mantiene ’o carro p’ ’a scesa.

Trattieni il carro lungo la discesa. Non farti travolgere dalle difficoltà e non lasciare che le cose precipitino. Affronta le difficoltà con cautela e diplomazia.

Mastuggiorgio.

Mastro Giorgio. L’infermiere del manicomio. La persona che placa gli animi in un ambiente surriscaldato. Il capo dispotico costretto ad usare le maniere forti per mantenere l’ordine. Buttafuori.

Mazzamma.

Pesca di poco pregio. Feccia. Gente di malaffare. Canaglia.

Mbruoglie, aiutame.

Imbroglio, aiutami! Cercare la buona sorte utilizzando mezzi poco edificanti. Approfittare di situazioni complicate per ricavarne un utile che diversamente non si sarebbe riusciti ad ottenere.

Me dai na voce.

Mi dai una voce. Avvertimi! Fammi sapere. Informami.

Me pare ’o cucchiere ’e Bellumunno!

Mi sembra il cocchiere di Bellomunno! Bellomunno è una storica agenzia di pompe funebri napoletana. Quindi simbolicamente essere il cocchiere di Bellomunno significa essere una persona triste nell’aspetto, nel comportamento o nell’abbigliamento.

Me pàreno mill’anne!

Mi sembrano mille anni! Sto contando le ore. Sto aspettando con ansia un momento che sembra non arrivare mai.

Me veco pigliato d’ ’e Turche!

Mi vedo catturato dai pirati turchi! Mi trovo in una situazione disperata per cui devo tentare una qualsiasi via d’uscita. L’espressione fa riferimento alla paura che avevano i marinai di Torre del Greco di essere catturati dai pirati turchi. La paura non era astratta ma fin troppo concreta. Già nel 1598 Mustafà e la sua flotta di 120 galere portarono morte e distruzioni sulle coste del Golfo di Napoli. A coronamento di tale impresa catturarono anche 12mila abitanti, destinati ovviamente al mercato degli schiavi o ad una sorte peggiore. Ma la paura dettata in maniera più diretta a questa espressione prende corpo quando i marinai torresi si spingono verso le coste del Nord Africa. Per i pirati diviene un gioco da ragazzi catturarli, ammassarli in qualche luogo e chiedere il riscatto. In realtà tra torture e condizioni ambientali terrificanti, difficilmente sopravvivevano anche quando non venivano ammazzati deliberatamente. Sulla base di questi presupposti essere “pigliati dai turchi” era, quindi, una situazione a dir poco disperata.

Meglio sulo, ca male accumpagnato.

Meglio solo che mal accompagnato. Equivalente all’espressione italiana dal significato fin troppo evidente. Una compagnia sgradevole, fastidiosa o addirittura dannosa fa desiderare la solitudine. Non è raro che nel matrimonio uno o entrambi i coniugi arrivino alla conclusione che sarebbero stati meglio senza quella unione.

Menà na zeppata.

Lanciare un’affermazione allusiva. Muovere una critica non diretta né chiara nelle parole. A volte è una sorta di messaggio criptato che solo il destinatario del rimprovero può cogliere anche tra molti astanti.

Menarse a mare cu tutt’ ’e panne.

Tuffarsi a mare con tutti i vestiti addosso. Andare a rotoli. Rovinarsi con le proprie mani.

Mettere ’a capa ’a fa bene.

Mettere la testa a fare bene. Dopo un passato da scapestrato ripartire con il piede giusto. Mettere la testa a posto.

Mettere i recchie p’i pertose .

Mettere le orecchie attraverso i buchi. Origliare cercando di captare segreti o cogliere informazioni utili. Il detto non ha soltanto un’accezione negativa. Può significare anche stare attento a raccogliere qualche informazione utile a chi sta cercando qualcosa.

Mettere ’o ppepe ’nculo ’a zoccola.

Mettere il pepe nel culo di un ratto. Fomentare con delazione la reazione di qualcuno. Aizzare, sobillare.

Metterse ’e casa e puteca .

Mettersi casa e bottega. Dedicare tutto il proprio tempo al lavoro o ad un’opera in particolare per un tempo limitato.

Metterse na cosa int’i chiocche.

Mettersi una cosa nelle tempie. Ficcarsi bene in testa.

Metterse ntridece.

Mettersi “in tredici.” Intromettersi in maniera invadente e inopportuna.

Mèza bbòtta.

Mezza botta. Una mezza tacca. Una persona insignificante.

Mman’ ’a.

In mano a. Ai tempi di… All’epoca di…

Mmange, ca ru ttuoie mange!

Mangia, ché del tuo mangi! Si dice di chi è convinto di star realizzando dei buoni affari con mezzi non propriamente puliti senza accorgersi che alle sue spalle c’è qualcuno che sta beneficiando del frutto delle operazioni che con tanto impegno sta realizzando. 

Mmano a Pappagone

Al tempo di Pappagone. Tempi talmente lontani da risultare anacronistici.

Mmano all’arte.

Nelle mano dell’arte. Stai tranquillo ti sei affidato ad un artista quindi puoi dormire sonni tranquilli. Le tue esigenze saranno curate da una persona della massima competenza.

Mmesca francesca.

Miscuglio senza criterio. Una baraonda, un casino. Un caos dal quale è difficile venir fuori. Una torre di Babele.

Mo mo.

Or ora. In questo momento. Proprio adesso.

Mo nce vo.

Ora ci vuole. Appunto. Giustappunto. Proprio così.

Mosca cavallina.

Mosca cavallina (insetto ematofago, cioè succhia il sangue come la zanzara). Tormenta in maniera particolare gli equini. Quindi si dice di una persona assillante, fastidiosa, asfissiante, di cui non si riesce a liberarsene in alcun modo. Uno scocciatore scostumato.

Mparanza.

Tutto insieme. Raccogliere tutti indistintamente in una sola volta senza distinzione.

Mpechèra.

Pettegola. Maldicente, sobillatrice, calunniatrice.

Mpupazzà.

Agghindarsi in maniera vistosa. Vestirsi con poco gusto. Ma anche mistificare dei prodotti per ingannare il potenziale cliente, occultante i difetti. 

Mpustatore.

Prepotente. Arrogante, prevaricatore, che pretende di imporre con la forza il proprio volere.

Mùmmera

Anfora di creta. In generale serviva ad attingere e trasportare acqua dalle fontane pubbliche. A Napoli veniva utilizzata anche per la vendita dell’acqua “zuffrègna”, perché la creta la manteneva fredda. Erano quindi di coccio e come tale si intende anche una testa dura, ostinata o piuttosto lenta di comprendonio. Un seno prosperoso può anche essere equiparato a “doie mùmmarelle” .

Muorto ’o criaturo nu’ simmo chiù cumpare.

Morto il bambino (il figlioccio) e non siamo più compari. Si dice quando senza motivi apparenti si raffredda un rapporto che era sempre stato ben saldo. 

Muorzo d’a crianza.

Il boccone della creanza. L’abitudine di lasciare sempre qualche boccone nel piatto.

 

N

 

N’aggie scaurate chiaveche, ma tu si’ ’o nummere uno!

Ne ho lessate chiaviche, ma tu sei il numero uno! Ho conosciuto e mi sono scontrato con tanti furfanti ma tu sei una canaglia che non teme confronti. Sei il più farabutto dei farabutti.

Hanno fatto tacche e chiuove.

Hanno fatto tacchi e chiodi. Sono stati sfruttati fino al totale logoramento.

Na carta ’e tre.

Una carta di tre. È la carta di maggior valore nel gioco del Tresette. Una persona di notevole importanza. Uno che conta. E nel gergo malavitoso era il guappo. 

Na galletta ’e Castiellammare.

Una galletta di Castellammare. Uno spilorcio senza uguali. Da lui è inutile ogni tentativo di spillare qualcosa. 

Na lenza ’e sole.

Una striscia di sole. Un piccolo raggio di sole.

Na meza botta.

Una mezza botta. Persona o cosa di scarso valore.

Ncasà ’a mano.

Calcare la mano. Darci dentro maggiormente. Non essere moderato, approfitta!

Nce vò nu core.

Ci vuole un cuore. “Ci vuole un cuore di pietra per comportarsi in questo modo!”, “Ci vuole una bella faccia tosta per dire certe cose”.

Ncopp’a ccuotto, acqua volluta.

Sopra la scottatura acqua bollente. Come se non bastasse la prima sventura se ne aggiunge un’altra che aggrava ancora di più la situazione.

‘Nciucio.

Pettegolezzo, confabulazione. Progetti costruiti malevoli nell’ombra.Nciucessa.Ngiucièro. Gli autori materiali dello ‘Nciucio.

Ne vuo’ ca so cepolle?

Ne vuoi che sono cipolle? Cipolle: legnate. Devi solo decidere se e quante ne vuoi perché di sberle ce ne sono in grande quantità. E trattandosi di cipolle ne puoi avere fino alle lacrime.

Nennella ’e ll’uocchie.

La bambina degli occhi. La pupilla.

Ngigna’

Inaugurare. Ma in questo caso il termine ha una sfumatura un po’ particolare perché è riferito principalmente a capi di abbigliamento che vengono indossati per la prima volta.

Nippulo.

Pelucco. Palline composte da peluzzi corti e morbidi che formano una leggera lanuggine su un tessuto o una maglia. 

Nun me ’ntrico e nun me ’mpaccio.

Non mi intrometto e non mi coinvolgo. Mi faccio i fatti miei e sto tranquillo. 

Ntrichete ’e te!

Impicciati dei fatti tuoi! Pensa te! Non pettegolare su di me!.

Nu chiappo ’e ’mpiso.

Un cappio di impiccato. Un pendaglio da forca. Ma viene usato anche in senso scherzoso con un bambino molto vivace.

Nu parmo e nu ziracchio.

Un palmo e un poco. Una piccola quantità. Su usa per definire una persona molto bassa. Il palmo e il ziracchio sono unità di misura che si utilizzano nel gioco delle bocce e delle boccette. Il palmo è la distanza che intercorre tra il pollice e il mignolo della mano tesa, il ziracchio quella tra il pollice e l’indice.

Nu piezzo ’e pane.

Un pezzo di pane. Una persona molto pacifica e tollerante.

Nu ziracchio d’ommo.

Un uomo di statura assai piccola.

Nun bulere stare manco pe pollece int’ ’a cammisa d’uno.

Non voler essere nemmeno come pulce nella camicia di qualcuno. Non pensare nemmeno lontanamente di potersi trovare nei panni di una persona che sta vivendo un momento disastroso.

Nun ce vo’ zingara p’anduvinà sta ventura.

Non ’è bisogno della zingara per indovinare questa sorte. Ci sono delle cose che sono talmente evidenti da essere troppo facili da capire. 

Nun è doce ’e sale.

Non è dolce di sale. Un tipo con cui sarebbe preferibile non averci a che fare. È arrogante e aggressivo. Un uomo dal carattere difficile.

Nun fa ’o farenella!

Non fare il pagliaccio. Un invito a evitare di assumere atteggiamenti inopportuni.

Nun haje visto ’o serpe, e chiamme San Paulo.

Non hai visto il serpente e invochi San Paolo. Aspetta almeno che le cose succedano prima di spaventarti. Non fasciarti la testa prima di rompertela.

Nun sai tené tre cicere mmocca.

Non sai tenere tre ceci in bocca. Non sai mantenere un segreto.

Nun sfruculià ’a mazzarella ’e San Giuseppe.

Non “sfottere” il bastone di San Giuseppe. Non svegliare il cane che dorme. Non ritornare provocatoriamente su una questione ormai sopita.

Nun sputà ‘ncielo ca ‘nfaccia te torna!

Non sputare verso il cielo, perché ti ricadrebbe sulla faccia. È un avvertimento a chi commette azioni disdicevoli. Secondo “l’ottimismo” di quest’espressione chi commette una cattiva azione dovrebbe ricordare che la stessa si ritorcerà contro di lui.

Nun tene né cielo ’a vede’ né terra ’a cammena’.

Non ha né cielo da vedere né terra su cui camminare. Vive in condizioni di estrema miseria. Ma quello che più conta non intravede prospettive.

Nzallanuto.

Nella traduzione letterale rimbambito patologico. Nella versione scherzosa: molto distratto, sbadato, poco concentrato, eternamente con la testa tra le nuvole.

Nzerrà l’uocchie.

Chiudere gli occhi. Gli occhi oltre che per dormire si possono chiudere anche in senso figurato. Nel senso di non voler vedere l’evidenza. Oppure una volta e per sempre trapassando. 

Nziria.

Il capriccio lamentoso dei bambini. Ma può essere anche un pianto incontrollabile. O in determinate situazioni va interpretato proprio come semplice capriccio

Nzurfà’.

Inzolfare. Mettere zizzania. Indurre ad azioni riprovevoli. Sobillare. È l’azione che compie Iago spingendo con l’inganno Otello ad uccidere la moglie Desdemona.

 

O

 

O ball’ ’e ll’urzo.

Il ballo dell’orso. Il ballo di una persona impacciata nei movimenti, grossolano, privo di grazia.

O Bùvero.

Il Borgo. “Dinte ‘o Bùvero” ovvero “Nel Borgo”. Si riferisce ad un rione di Napoli noto per un affollatissimo mercato quotidiano che si snoda lungo una strada che percorre l’intero Borgo Sant’Antonio Abate. Infatti è questo il nome completo del rione, che in dialetto diventa “Bùvero ’e Sant’Antuono” e per i napoletani semplicemente ’o Bùvero. 

O canzo.

Il tempo di fare qualcosa senza pressioni. Dare a qualcuno il tempo di fare una determinata cosa senza metterlo in ansia. Damme ’o canzo! : Dammi il tempo materiale di farlo non mettermi questa fretta esasperante.

O cappotto ’e lignamme.

Il cappotto di legno. La bara.

‘O ciuccio ‘e Fechella, trentatré chiaje e ‘a cora fraceca

L’asino di Fichella, trentatré piaghe e la coda fradicia. Si dice di una persona malaticcia o che lamenta continue malattie. Esistono molto versioni differenti che vorrebbero spiegare la storia di Fichella e del suo asino. Troppe per capire quale sia quella giusta. Quasi tutte però concordano su alcuni particolari. Fichella era un vecchio carrettiere che raccoglieva la frutta (forse fichi) da portare al mercato. Ma purtroppo per arrivarci doveva affidarsi ad un somaro macilento che a stento si reggeva in piedi senza soma. Il Calcio Napoli deve a questo detto la sua mascotte. Infatti il simbolo originario del Napoli alla sua fondazione, nel 1926, era un cavallino rampante. Tuttavia il primo campionato dei partenopei fu un vero disastro: persero tutte le partite tranne un pareggio con il Brescia. Si può immaginare il clima tra i tifosi. In una di queste accese discussioni al bar Brasiliano una voce si levò sopra le altre e gridò: «Ma quale cavallo rampante? ’Sta squadra nostra me pare ’o ciuccio ’e Fichella. Trentatré piaghe e ’a coda fradicia». La battuta fu ripresa da un giornale satirico che pubblicò la vignetta di un ciuco tutto incerottato con la divisa del Napoli. Fu un successo. Il “ciucciariello” suscitò da subito grande simpatia e i tifosi napoletani si affezionarono a lui trasformandolo nel loro simbolo portafortuna.

O cuorpo ’e Napule.

Il corpo di Napoli. La statua del dio Nilo posta nel Largo Corpo di Napoli nel pieno del centro storico. Verrebbe però da chiedersi, cosa c’entra il dio Nilo con il Corpo di Napoli? La statua risalente al II-III secolo, durante la sua travagliata vita fu ritrovata per l’ennesima volta intorno alla metà del 1400. Ma era priva della testa e fu erroneamente interpretata come un personaggio femminile per la presenza di alcuni putti che sembravano allattare al seno della madre. Diventò quindi il simbolo della città madre che allatta i propri figli e assunse il nome di “cuorpo ‘e Napule”. 

O figlio d’ ’a Madonna.

Il figlio della Madonna. Un bambino abbandonato dei genitori nella ruota degli esposti presso la Basilica dell’Annunziata Maggiore a Forcella. Il senso lato anche qualsiasi trovatello o figlio di nessuno.

O gallo ’ncoppa ’a munnezza.

Il gallo spazzatura. Più esattamente un gallo che canta usando un cumulo di spazzatura come piedistallo. Una persona che si compiace di se stesso, si vanta delle proprie qualità, spesso inventate. E lo fa cercando dominare delle persone che per qualche motivo non hanno la possibilità di controbattergli.

O guappo ’e cartone.

Il guappo di cartone. La persona che si atteggia a bravaccio o pericoloso delinquente ma in effetti è solo un bullo forte con i deboli e remissivo con i forti. 

O munaciello.

Il piccolo monaco. Uno spiritello bizzarro e dispettoso. Chi entra nei suoi favori beneficia di ampie protezioni. Chi malauguratamente se lo mette contro va incontro ad ogni sorta di guaio. 

’O ’nsist’.

Il prepotente. Un tipo da cui è meglio stare alla larga perché potrebbe essere anche un violento. In maniera ironica è riferito ad una persona che si atteggia a gradasso.

’O palazzo è auto e ’a signora è sorda.

Il palazzo è alto e la signora è sorda. In qualche caso le condizioni rendono difficile sentire ma in tante altre per proprio interesse si fa finta di non sentire.

O pato-pato.

Una quantità enorme. Generalmente usata per condizioni meteorologiche estrema. ’O pato-pato ’e ll’acqua: quello negli ultimi anni definiamo bomba d’acqua Un vero diluvio.

‘O piglia e porta.

Il prende e porta. Lo spione. La persona che è meglio tenere alla larga quando la discrezione è d’obbligo. Abitualmente va a riportare in buona o in mala fede tutto quello che ascolta. 

O priore ’e San Martino.

Il priore di San Martino. Il marito tradito. La Certosa di San Martino si trova su una collina napoletana, fu trasformata in museo dopo l’Unità d’Italia. San Martino è il protettore dei cornuti.

O purpo se coce cu ll’acqua soia.

Il polpo si cuoce nella sua stessa acqua. Si dice di una persona che non accetta consigli e persevera nelle sue azioni, anche chiaramente deleterie. Situazione sulla quale è meglio non intervenire per evitare ulteriori complicazioni e aspettare che si sgonfi col tempo. Si tratta di un proverbio marinaro in chiave culinaria. Infatti è uno dei metodi per ammorbidire il polpo durante la cottura. Il mollusco viene messo in un tegame di terracotta e lasciato vicino ad una fonte di calore. E poiché il polpo è composto per l’80 per cento di acqua ne rilascia in abbondanza per poter cuocere.

O riàvole ’e Mergellina.

Il diavolo di Mergellina. Una donna bellissima ma capricciosa e imprevedibile, rasentando in qualche caso la malignità, al pari del leggendario diavolo di Mergellina. Infatti secondo la leggenda una bellissima nobildonna napoletana con una fattura d’amore fece invaghire alla follia il vescovo Diomede Carafa. Ma il prelato nonostante la terribile tentazione riuscì a resistere e col tempo si rese conto che una forza malefica accresceva questo suo desiderio.
Si rivolse quindi ad un monaco esperto di magia e negromanzia che dopo aver pregato accostando le immagini di San Michele Arcangelo e Lucifero consigliò, al Carafa, per interrompere l’incantesimo di commissionare un dipinto i cui colori dovevano essere impastati con un balsamo speciale. Successivamente il dipinto doveva essere posto in un luogo sacro e benedetto con acqua santa.
Il dipinto fu posto e attualmente si trova nella chiesa di Santa Maria del Parto a Mergellina e raffigura la donna ammaliatrice con il suo bellissimo volto ma il corpo di un serpente (il demonio) che viene trafitto e scacciato da San Michele Arcangelo.

‘O scartellato

Un uomo con la gobba. ‘O scartellato a Napoli non è però un semplice uomo con la gobba. I Napoletani ritengono porti fortuna ma bisogna toccare la gobba per cui da secoli questi poveretti si vedono strofinare da qualche passante che incrocia. Vittima di questa tortura è stato anche Giacomo Leopardi nel suo soggiorno napoletano perché aveva questo problema. Purtroppo per loro le donne vengono discriminati anche in questo caso. ‘A scartellata, la donna gobba però si riteneva portasse sfortuna quindi incontrarla era un cattivo segno e si facevano gli opportuni scongiuri. Per fortuna però questa differenza di genere è poco conosciuta per cui le donne gobbe dai più non sono guardate con diffidenza.

O schiattamuorto.

Il becchino, il beccamorto, il necroforo. Ma da cosa deriva questo termine napoletano così truculento. Le ipotesi sono numerose. Alcune molto fantasiose o divertenti ma le più probabili sono quelle che riportano ad alcune pratiche utilizzate almeno fino al Seicento. Lo scopo finale era quello di ridurre la massa corporea dei defunti per farne entrare il più possibile in una bara. Allo scopo veniva utilizzato un ambiente caratterizzato dalla presenza di sedili in muratura, detti scolatoi, sui quali venivano posizionati i corpi. I liquidi rilasciati dal corpo durante la decomposizione scendevano dai buchi degli scolatoi per essere raccolti in vasi d’argilla. Le salme essiccate ricevevano la sepoltura definitiva negli ossari. I resti di questi scolatoi sono ancora presenti nel Cimitero delle Fontanelle, nel convento delle Clarisse ad Ischia, ma anche in tantissimi altri conventi e chiese. Lo “schiattamuorto” non ha mai suscitato molta simpatia tra i napoletani che lo ritenevano portatore di disgrazie e al suo passaggio facevano tutti gli scongiuri possibili. Il termine comunque è tutt’altro che caduto in disuso a Napoli e ancora in tanti preferiscono usare  “schiattamuorto” piuttosto che becchino o beccamorto. Totò con la sua ironia dedicò a questa figura persino una poesia, ovviamente: ’O schiattamuorto.

O scemo ’e Miano.

Lo scemo di Miano. Miano era la sede dell’ospedale psichiatrico del Frullone. Questa frase viene usata in senso figurato per indicare una persona che si comporta come un idiota. O comunque non è particolarmente sveglia.

O tale e quale.

Il tale e quale. Lo specchio.

O tram a muro.

Il tram a muro. L’ascensore.

O Zi’ nisciuno.

Lo zio nessuno. Una persona assolutamente insignificante.

On Titta e ’o cane.

Don Titta e il cane. Due persone che si muovono sempre insieme. Però di solito uno guida e l’altro segue. Qualcuno sostiene che questa sia la versione laica di “Santu Rocco e ’o cane”  Infatti san Rocco nella iconografia popolare appare sempre accompagnato da un cane che in alcune immagini gli lecca le piaghe della peste e in altre gli porta da mangiare durante la malattia. San Rocco aveva contratto la malattia durante i suoi pellegrinaggi per aiutare gli appestati. Per questo motivo il santo veniva invocato dai fedeli nella speranza di scongiurare un’epidemia di peste.

 

P

 

Paglietta.

Il paglietta. L’avvocato maneggione. Una sorta di azzeccagarbugli. Questo appellativo deriva dall’abitudine che avevano gli avvocati napoletani del primo Novecento di portare questo copricapo. Il paglietta compare in molte commedie dell’epoca come personaggio pittoresco che usa improbabili citazioni legali per impressionare il potenziale cliente o i presenti. Lo scopo inconfessato è quello di mettere insieme anche per quel giorno il pranzo con la cena.

Palazzo a spuntatore.

Palazzo a due uscite. Queste due uscite non sono però sullo stesso livello. Sono palazzi al cui interno si trova una scala costruita allo scopo di collegare due strade poste una delle quali ad un livello più basso. Una sorta di ascensore fatto a gradoni. A Napoli centro se ne possono trovare numerosi esempi ma il più rilevante anche sotto il profilo storico è la Scala San Potito che sale da via Pessina ed è proprio conosciuta come Palazzo Spuntatore.

Palummelle nnante all’uocchie.

Le “farfalline” davanti agli occhi. Percepire dei punti luminosi davanti agli occhi. Potrebbe anche essere un problema patologico. 

Parapatta e pace.

Pari e pace. Siamo pari. Non ti devo più niente né tu lo devi a me.

Paraustiello.

Ragionamente arzigogolato. Tentativo di giustificarsi o far valere le proprie ragioni ma in maniera incomprensibile per gli atri. Chiacchiere inconcludenti che dopo lunghi giri di parole risultano ancora incomprensibili suscitando spesso l’irritazione del destinatario.

Paré ’a sporta d’ ’o tarallaro.

Sembrare il cesto del venditore di taralli. Si dice di una persona trattata senza la giusta considerazione. Che viene sballottata da un posto all’altro senza tener conto delle sue necessità. Oggi succede con gli anziani quando diventano un peso per i figli e sono costretti ad essere sballottati da una casa all’altra per evitare di far ricadere tutto il “fastidio” su un solo di loro.

Parla’ a schiovere.

Parlare a spiovere. Parlare tanto per parlare, senza arrivare ad una conclusione sensata. È come un provvedimento a pioggia che non ha un indirizzo preciso.

Parla comme t’ha fatto mammeta!

Parla come ti ha fatto tua mamma! Non parlare in maniera ostentata perché non ti si addice. Parla in modo semplice e facilmente comprensibile. 

Parlà mazzecato.

Parlare in maniera incomprensibile. È il comportamento di chi dovrebbe dire ma non lo vuol fare. Reticente, impaurito, insicuro. 

Parla quanno piscia ’a gallina.

Parla quando orina la gallina. Un ordine che non ammette repliche: taci e basta. Non devi intervenire nei nostri discorsi. 

Pascàle passaguàje.

Pasquale passaguai. Persona perseguitata dalla sfortuna o che usa la sfortuna per giustificare delle sue mancanze.

Patapate ’e l’acqua.

Pioggia torrenziale e improvvisa. Un vero diluvio. Una pioggia torrenziale. Spesso un fenomeno improvviso tipico delle piogge estive: da un momento all’altro ha fatto ‘o patapate ’e l’acqua. Oppure: non posso uscire perché sta facendo ’o patapate ’e l’acqua.

Pavà’ ’e pperacotte.

Pagare le pere cotte. Pagare le conseguenze di quello che si è fatto o che hanno fatto altri facendo ricadere la colpa su di noi.

Pe’ ghionta ’e ruotolo.

In aggiunta al rotolo. E come se non bastasse, si aggiunge anche il resto. Altre al danno la beffa. Fino agli anni ’60 circa, il pane veniva venduto a peso esatto. Quindi quando il pezzo di pane, ad esempio, non era esattamente un chilogrammo se ne aggiungeva un altro pezzetto (la ghionta) per arrivare al peso esatto. 

Pe na magnata ’e fave.

Per una mangiata di fave. Un prezzo talmente irrisorio da non giustificare quel che si è fatto, sia nel bene che nel male. 

Pe’ vintinove e trenta.

Per ventinove e trenta. C’è mancato proprio poco. Per un pelo! In versione temporale: essere arrivati tardi ma di pochissimo.

Pepitola.

La pepitola è una malattia delle galline che le porta a chiocciare (fare co-co-cò) in maniera ininterrotta. In senso figurato si dice di una persona logorroica, che parla in maniera interrotta rendendo insopportabile la vita alle persone che condividono lo stesso ambiente.

Perdere Filippo e ’o panaro.

Perdere Filippo e il paniere. Perdere proprio tutto come conseguenza di un troppo indugiare. I troppi tentennamenti determinano la perdita di qualche occasione vantaggiosa. Il “panaro” è un cesto di vimini che un tempo veniva utilizzato per il trasporto del pane.

Pescetiello ’e cannuccia.

Pesciolino di cannuccia. Un sempliciotto facile da raggirare. Il riferimento è ad un pesce che si lascia catturare con estrema facilità nonostante il metodo molto banale utilizzato per farlo abboccare. La cannuccia è un semplice canna da pesca con un pezzetto di pane utilizzato come esca.

Péttola’ nculo e cumpagne.

Una cricca di bighelloni. Un gruppo di scugnizzi o un gruppo di persone dall’aspetto trasandato che denuncia poca cura di sé e cattive condizioni economiche. Parite pettola ‘n’culo e cumpagne: state sempre assieme.

Petrusino ogne menesta.

Prezzemolo in ogni minestra. Persona che si occupa in modo invadente e fastidioso degli affari altrui. Onnipresente. Pettegolo. Chi è presente in ogni occasione. Il prezzemolo nella cucina partenopea è facile ritrovarlo in tantissime pietanze quindi il paragone ben si adatta al nostro pettegolo.

Piglià a scigna.

Prendersi la scimmia. Andare su tutte le furie. Arrabbiarsi. Incollerirsi. ma anche comportarsi come colui che è sotto l’effetto di un’ubriacatura. Infatti la “scigna” in oggetto non è l’animale che conosciamo. È una derivazione dal latino sinia che vuol dire sia ubriachezza (alterazione psichica dovuta all’abuso di alcol) che rabbia.

Piglià calimma.

Prendere tepore. Riuscire finalmente a riscaldarsi. Eduardo De Filippo nella commedia Natale in casa Cupiello, infreddolito e affondato nelle coperte, rivolto alla moglie dice “non potevo pigliare calimma”. Cioè: con il freddo che fa nemmeno sotto le coperte riesce a prendere calore. 

Pigliarse ’o dito cu tutt”a mano.

Prendersi il dito con tutta la mano. Approfittare della benevolenza concessa. Abusare della generosità o della fiducia concessa. Concedendo troppa confidenza può capitare che lo scostumato si prenda il dito con tutta la mano.

Pisse-pisse.

Parlare fittamente come complottando. Ma più che altro pettegolando.

Pittà ’o sole.

Dipingere il sole. A chi va oltre i tempi necessari a realizzare una certa cosa ironicamente si dice: ma che stai pittando ’o sole?

Pittò, va’ a pitta!

Pittore, vai a pittare! Non interferire in cose che non ti riguardano. Limitati a fare il tuo compito.

Povero Maronna.

Un povero disgraziato contro cui si accanisce la cattiveria della gente.

Primm’ ’e mo.

Prima di adesso. Immediatamente. All’istante. Hai perso già troppo tempo ti devi muovere subito!

Prommette certo e vene meno sicuro.

Promette certo e viene meno sicuro. Persona inaffidabile. Persona che garantisce la soluzione di un problema grazie al suo intervento. Tuttavia venendo meno all’impegno preso lascerà l’altra persona a pagarne le conseguenze. 

Pullicenella spaventato da ’e maruzze.

Pulcinella spaventato (dalle “corna”) delle chiocciole. Pulcinella si spaventa perché confonde le corna delle chiocciole per quelle del diavolo. Persona particolarmente paurosa che si meraviglia e si spaventa per delle cose ovvie e assolutamente innocue.

Puozze aunnà comm’ aonna ’o mare!

Che tu possa abbondare come abbonda il mare! Ti auguro tutto il bene possibile. Un augurio sincero rivolto ad una persona che ha appena ottenuto un successo che apre a delle promettenti aspettative future.

Pure ’e pullece tenene ’a tosse.

Pure le pulci hanno la tosse. Anche i meno qualificati cercano di far sentire la propria voce. Se rivolta ad un bambino è abbastanza comprensibile ed è un invito a non fare ragionamenti da “grandi”. Una forma benevola usata con leggerezza. La forma odiosa per fortuna è più rara perché esprime il disprezzo per un adulto non ritenuto degno di esprimere il suo parere.

 

Q

 

Quanno buono buono.

Quando buono buono. In fin dei conti. Dopo tutto se anche fosse.

Quanno buono buono cchiù nera d’ ’a mezanotte nun po’ venì . 

In fin dei conti più nera della mezzanotte non può essere. Peggio di così non può andare quindi non ci preoccupiamo più di tanto.

Quanno buono buono, s’ ’o chiagneno lloro, a nuje che ce ne ’mporta?

In fin dei conti se la sbrigano loro, a noi che ce ne importa. Sì la situazione è quella che è ma a noi che c’importa, adesso ce ne andiamo e se la sbroglia chi viene dopo. 

Quanno nun site scarpare, pecché rumpite ’o cacchio a ’e semmenzelle?

Visto che non siete calzolaio, perché rompete le scatole ai chiodini? Se non avete la competenza giusta non avventuratevi in azioni che non potrete mai realizzare.

 

R

 

Rafanié, fatt’accattà’ ’a chi nun te sape.

Ravanello, fatti comprare da chi non ti conosce. Vorresti fregare proprio me che ti conosco bene. Prova con qualcuno che non ti conosce e potrebbe fidarsi. Un proverbio che si adatta benissimo a chi dopo aver commesso le sue malefatte in una zona se ne cerca un’altra dove nessuno lo conosce. Tuttavia tra i tanti ignari delle sue attività poco pulite può trovare qualcuno che lo conosce bene e ovviamente non si lascia incantare.

Ricco Pellone.

Il ricco Epulone. Si dice di una persona che più che ricca fa ostentazione di una ricchezza che forse non è effettivamente quella che vorrebbero far credere. Espressione che in genere viene usata proprio in senso dispregiativo. Epulone è un protagonista nel Vangelo della parabola del Ricco e del mendicante Lazzaro. Il Ricco che tradizionalmente è chiamato Epulone nel testo biblico non ha alcun nome. Nella parabola tratta dal Vangelo di Luca Epulone dopo una vita di agi muore e si ritrova all’Inferno tra grandi sofferenze. Nel frattempo muore anche il mendicante lebbroso che in vita giaceva alla sua porta, che però viene messo dall’altra parte della “barricata”, accanto ad Abramo. E proprio ad Abramo si rivolge il Ricco e lo prega di mandargli Lazzaro con il dito bagnato d’acqua per portagli un poco di sollievo bagnandogli la lingua che bruciava. Ma Abramo gli spiega che la sua richiesta non può essere esaudita perché tutto il bene possibile lo ha già goduto sulla terra. Inoltre tra loro esiste un abisso che impedisce a chi si trovava da quel lato di attraversare per andare nell’altro. Secondo gran parte dei commentatori il mendicante non è Lazzaro di Betania, resuscitato da Gesù che tra l’altro non era un indigente. Nella tradizione cristiana Lazzaro è ritenuto protettore dei malati di lebbra e i lebbrosari che proprio per questo sono detti anche lazzaretti.

Rutto pe’ rutto.

Rotto per rotto. Quello che abbiamo cercato di evitare è successo quindi cerchiamo di rimediare tanto non abbiamo più niente da perdere.

 

S

 

S’è aunita ’a funa corta e ’o strummolo a tiriteppete.

Si sono unite la trottola che gira vacillando (a causa della punta fuori asse) e la cordicella per la rotazione corta. Peggio non poteva andare. Si è verificata la concomitanza di due fatti negativi. Ma si dice anche di una coppia assolutamente inconciliabile e senza alcuna possibilità di poter coesistere. Lo “strummolo” era un’antica  trottola di legno che girava su una punta d’acciaio. Aveva delle scanalature orizzontali che servivano per avvolgervi la cordicella di tirare per farlo roteare. Ovviamente per funzionare la punta doveva essere in asse e la cordicella della lunghezza giusta.

S’è ’mbrugliata a matassa.

Si è ingarbugliata la matassa. La situazione è precipitata ormai è diventata molto complessa. La situazione è sfuggita di mano ed è difficile riprenderla.

S’è scumbinata ’a grammatica.

Si è stravolta la grammatica. È il caos! Non si capisce più niente. La logica è andata a farsi benedire.

Salute a’’ fibbie – recette don Fabbie!

Saluti alla fibbia – disse don Fabio! Me ne strafrego di quello che dici. Un’espressione usata in maniera molto piccata in risposta ad un’accusa a cui non si può rispondere in maniera argomentata. Non avendo più niente da controbattere.

San Genna’, mettece ’a mana toja!

San Gennaro, mettici la mano tua! San Gennaro aiutaci tu! La situazione è troppo precaria per poterla risolvere con le nostre forze affidiamoci a San Gennaro.

San Genna’, pienzace tu!

San Gennaro, pensaci tu! Non so che pesci pigliare, San Gennaro mi affido a te!

San Giuseppe nce ha passata a chianozza.

San Giuseppe ci ha passato la pialla. Si dice di una donna quasi senza seno. L’intenzione è quella di mettere in risalto una presunta scarsa femminilità. Ma chi lo pensa non conosce Jane Birkin.

Se l’ha ammuccato sano sano

Se l’è bevuta tutta. C’è caduto come un pollo, non ha avuto il minimo dubbio

Santu Mangione.

San Mangione. Santo protettore dei corrotti e degli imbroglioni. Bersaglio preferito di quest’affermazione sono i politici o gli amministratori noti per la loro disponibilità a concedere favori dietro compenso.

Scapricciatiello.

Lo scapricciatello. Un giovanotto che ha deviato dalla retta via e si sta incamminando lungo una china pericolosa. Una figura non particolarmente negativa perché si riferisce ad un ragazzo con qualche grillo di troppo in testa ma ancora recuperabile.

Scarfasegge.

Riscaldasedie. Fannullone. Impiegato che in ufficio scalda solo la sedia. Scansafatiche, sfaticato. 

Scaurachiuóve.

Scaldachiodi. Lavoro inesistente lo stesso che fa il fannullone. Persona sfaccendata, sfaticato.

Scavamento ’e Pumpei.

Scavo di Pompei. Ambiente molto malridotto o semplicemente disordinato e sovraccarico di oggetti mal riposti. 

Schiarà juorno.

Far giorno. Albeggiare.

Schiattà’ ’ncuórpo.

Schiattare in corpo. Rodersi dalla rabbia. Mal sopportare una persona.

Schiattamuorto.

Il becchino.

Sciacquàrse ’a vócca primm’ ’e parlà.

Sciacquarsi la bocca prima di parlare. È già un richiamo per qualche parola non troppo gradita scaturita nella discussione. Il risentito invita (bonariamente o minacciosamente) a misurare bene le parole prima di parlare di una certa persona, le cui qualità sono indiscusse. 

Sciacque Rose, e bbive, Agnese!

Sciacqua, Rosa, e bevi, Agnese. Spendere senza pensare al domani. Vivere alla giornata.

Sciasciona.

Donna rotondetta ma simpatica e piacente.

Sciò sciò ciucciuvè.

Via via civette! Scongiuro.

Sciosciammocca.

Un sempliciotto, ingenuo e credulone.

Sciù! p’ ’a faccia toia.

Sciù! per la faccia tua. Alla faccia tua!

Sciué sciué.

Senza perdere tempo. Sbrigativamente. Sommariamente. 

Sciupafemmene.

Dongiovanni. Donnaiolo, farfallone, casanova. 

Scummà ’e sango.

Schiumare di sangue. Colpire causando una ferita con abbondante fuoriuscita di sangue.

Scummigliare a zella.

Scoprire la tigna. Far venire alla luce tutto quello che si era voluto tener nascosto. 

Scurà notte.

Fa notte.

Se n’adda accattà tutte mmericine!

Se ne deve comprare tutte medicine. Una maledizione lanciata dalla “vittima” a chi si è appropriato fraudolentemente o quasi del suo danaro.

Se ricorda ’o chiuppo a Forcella.

Risale ai tempi del pioppo a Forcella. Che risale a tempi lontanissimi.

Se sò mbrugliate ’e llengue.

Si sono imbrogliate, ingarbugliate le lingue. Una serie di equivoci ha portato alla difficoltà di esporre le proprie ragioni.

Se so rotte le giarretelle.

Sono andate in frantumi le piccole brocche. Quella che sembrava un’amicizia indissolubile è andata in frantumi.

Sfasulato.

Sfaticato.

Sfezzia’

Divertirsi con qualcuno o con qualche cosa.

Si’ ghiuto a Roma e nun haje visto ’o Papa.

Sei andato a Roma e non hai visto il Papa. Fare qualcosa perdendo di vista quello che era l’elemento più importante da considerare.

Sì ’na zoza.

Sei un sudicio. Ma principalmente viene utilizzato per descrivere una persona immorale, infida, priva di valori.

Si’ ’nu babbà.

Sei un babà. Sei bella e dolce.

Si’ nu Sarchiapone.

Sei un sarchiapone. Persona goffa, sciocca, credulone, grossolana, sgraziata, imbranata. Tuttavia questa espressione non si utilizza con particolare cattiveria quanto piuttosto come uno sfottò bonario. In tempi recenti il termine è diventato famoso dopo essere stato utilizzato in uno sketch televisivo da Walter Chiari e Carlo Campanini. Quest’ultimo con una gabbia vuota ma coperta in maniera che non si possa vedere il contenuto invita l’altro a indovinare come sia fatto il Sarchiapone che dice essere l’animale che si trova in quella gabbia. Walter Chiari si dispera tentando in tutti i modi di indovinare le caratteristiche di questo animale e lasciandosi prendere la mano arriva a descrivere un animale mostruoso che mette in ansia tutti i viaggiatori presenti che si allontanano fino a svuotare la carrozza. Solo a questo punto Campanini confessa che la gabbia è vuota e lo stratagemma ha come unico scopo quello di svuotare lo scompartimento troppo affollato. Totò invece racconta di un commovente Sarchiapone nella poesia: Sarchiapone e Ludovico. La triste storia di un purosangue che ormai vecchio viene ceduto per pochi soldi ad un carrettiere che lo mette nella stalla insieme all’altrettanto vecchio asinello Ludovico. Quest’ultimo conosce meglio la vita e l’animo umano per cui gli dice di non sperare nel ritorno agli splendori del passato ormai la sua realtà resterà quella che vive. Sarchiapone non lo accetta e sceglie di porre fine ad una vita di umiliazioni.

Si vene ’a morte manco ’o trova.

Nemmeno se viene la morte lo trova. Si dice di una persona che non si riesce mai a trovare. Ha un senso amichevole perché non si riferisce ad una persona che non vuole farsi trovare

Sorece nfuso a ll’uoglio.

Il topo bagnato nell’olio. Una persona impomatata con la brillantina in maniera esagerata.

Sott’ ’a botta.

Sotto la botta. Di colpo. All’istante. Sott’ ‘a botta, ‘mpressiunata. È un verso della famosissima Tammuriata nera portata al successo dalla Nuova compagnia di Canta popolare nel ’76. La canzone è ambientata nella Napoli del primissimo dopoguerra, dove molte ragazze napoletane si accompagnavano a militari americani sia per sopravvivere alla miseria sia, in qualche caso, nella convinzione di aver trovato l’uomo della propria vita. In ogni caso la chiave comune era il sesso. Molti di questi militari erano neri per cui non era raro vedere in quel periodo figli di donne napoletane di pelle scura. La canzone di Nicolardi ed E. A. Mario racconta appunto di una caso del genere e del tentativo della mamma di fingere inspiegabile la nascita di un figlio nero. Però l’ipotesi risibile è che: A ‘e vvote basta sulo na guardata,e ‘a femmena è restata, sott’ ‘a botta, ‘mpressiunata”. Cioè “A volte basta solo uno sguardo e la donna resta di colpo impressionata (o persino incinta)

Sparterse ’o suonno.

Dividersi il sonno. Un’amicizia talmente forte da permettere di scambiarsi qualsiasi confidenza. Molto spesso però questa espressione ha un risvolto amaro e si completa con un rammarico: un atto si slealtà da parte da parte della persona con cui si era “spartut ’o suonno”, con cui ci si confidava ogni segreto.

Spavo ncerato.

Spago incerato. Pigliarse ’o spavo ’ncerato: assumere un onere di cui si sarebbe potuto benissimo fare a meno perché sarà molto impegnativo. Può significare anche prendersi troppa confidenza inopportuna.

Sperì comme a nu cane.

Desiderare avidamente come un cane. In senso stretto osservare avidamente degli alimenti quando si è affamati. Ma si può estendere a tante altre situazioni che si vorrebbero soddisfare ma che difficilmente lo saranno.

Spià ’na cosa.

Domandare una cosa. Fare una domanda. Chiedere un’informazione.

Spuglià a ssan Giacchìno pe’ vvestì a ssant’Antuóno.

Spogliare san Gioacchino per vestire sant’Antonio. Una cattiva risoluzione dei problemi o un’ingiustizia. Non farsi scrupolo di danneggiare qualcuno pur di favorire qualcun altro.

Stà’ alleluia!

Stare alleluia! Essere talmente ubriachi da raggiungere il culmine della gioia e dell’allegria. Condizione paradisiaca.

Stà buono mpurpato.

È ben inzuppato. È riferito ad una persona esageratamente ricca. Inzuppata di denaro. Un Paperon de’ Paperoni.

Stà c’ ’o còre int’ ô zzùccaro.

Stare col cuore nello zucchero. Essere all’apice della felicità. Una felicità che fa vedere tutto rosa. È la condizione dell’innamorato che vive un momento di grazia per qualche esternazione amorosa della partner.

Stà comm’a na Pasca.

Stare come una Pasqua. È felice e gode di ottima salute. Non ha bisogno di niente e e di nessuno e si gode la sua tranquillità.

Stà’ comm’a ’o diavulo e l’acqua santa.

Stare come il diavolo e l’acqua santa. Due persone assolutamente incompatibili. Nemici per la pelle. Destinato al fallimento un incarico affidato a due persone diametralmente opposte e che mal si sopportano, che sono appunto come il diavolo e l’acqua santa. 

Stà ’o naso e vocca.

Stare naso e bocca. Essere vicinissimi. Essere a pochissima distanza. 

Sta schiaranno iuorno ’a Afragola.

Sta facendo giorno ad Afragola (comune in provincia di Napoli). Si dice in maniera ironica quando qualcuno si appresta ad iniziare un lavoro quando a rigor di logica la giornata è finita. Da interpretare come: “Ma non ti accorgi di come si è fatto tardi?” 

Sta sempe c’ ’a capa ’a pazzìa.

Sta sempre con la testa a scherzare. Con lui è difficile fare un discorso serio ha sempre voglia di scherzare. È un mattacchione. 

Stamm’ tutt’ sott’ ’o cielo.

Stiamo tutti sotto il cielo. Nessuno si ritenga privilegiato come uomo mortale. Siamo tutti sottoposti allo stesso destino e sarebbe meglio rendersene conto prima di fare del male. È la filosofia della “Livella” di Totò. Si può interpretare anche in maniera più fatalista: ci vediamo domani mattina per prendere un caffè  a meno che non ce lo impedisca una volontà divina.     

Statte buono.

Stammi bene. Arrivederci. Ciao. In ogni caso un saluto di congedo. Nella sostanza spesso rivela un senso di freddezza nel saluto.

Steveme scarze a chiaveche!

Eravamo a corto chiaviche! Ci mancavi solo tu! Ironia triviale per accogliere l’amico che si unisce in ritardo alla “raffinata” combriccola. 

Strunzià.

Deridere. Beffeggiare. Prendere in giro. Ingannare, raggirare. Rendere didicolo  qualcuno.

Stuort o muort.

Storto o morto. Bene o male; “in un modo o nell’altro ci riusciremo”. “Tiriamo avanti utilizzando quei pochi mezzi su cui possiamo contare”.

  

T

 

Tanno tanno.

Allora allora. Proprio in quel momento. Un fatto avvenuto da pochissimo.

Tanno pe tanno.

Allora per allora. All’istante. Immediatamente.

Te manno ’e Pellegrini!

Ti mando all’ospedale Pellegrini! Te ne do talmente tante che sicuramente avrai bisogno del pronto soccorso di un ospedale per farti medicare. L’ospedale è più conosciuto come Vecchio Pellegrini e si trova al centro di Napoli nella zona della Pignasecca. Nacque annesso alla Chiesa della Santissima Trinità nel XVI secolo. Il complesso fu fondato dal cavaliere Fabrizio Pignatelli di Monteleone e disegnato da Carlo Vanvitelli. Deve il proprio nome alla funzione iniziale della struttura. Lo scopo era quello di fornire assistenza ai fedeli di passaggio per la città per raggiungere altri luoghi di culto.  

Te pare sempe che ’o culo t’arrobba ’a cammisa.

Ti sembra sempre che il sedere ti rubi la camicia. Avaro e diffidente. Sta sempre sul chi va là nel timore anche infondato che qualcuno gli possa sottrarre qualche cosa.

Te tengo stampato ’ncuorpo!

Ti tengo stampato nel mio corpo. Ti conosco come le mie tasche. Tu per me non hai segreti. Non puoi fingere con me.

Te veco, e te chiagno.

Ti vedo e ti piango. Sei in una situazione critica. Penso che il tuo futuro sia tutt’altro che roseo ti compatisco.

Tene’ ’a capa sulo pe’ spàrtere ’e recchie.

Avere la testa solo per separare le orecchie. È un imbecille. La sua testa è un involucro vuoto, privo di cervello.

Tene’ ’a neva ’int’ ’a sacca.

Avere la neve in tasca. Chi non trova mai il tempo per fermarsi. Frettoloso. Persona che mostra di avere sempre troppa fretta. A volte può essere un velato rimbrotto a chi dà l’impressione di non aver piacere a trattenersi.

Tène ’a panza azzeccata cu’ ’e rine.

Ha la pancia incollata ai reni. Una persona esageratamente magra. Scheletrico. Secco. Macilento.

Tene ’a parola superchia.

Ha la parola superflua. Si dice di chi vuole sempre avere l’ultima parola. Di chi straparla in modo saccente e interviene anche in maniera inopportuna in ogni discussione.

Tené ’a zeppola mmocca.

Avere la zeppola in bocca. Difetto di pronuncia con la “s” moscia. Balbettare. In medicina è il sigmatismo. Esempi significativi sono Nicola Zingaretti (soprannominato da Beppe Grillo  proprio “Er Zeppola”) e ai massimi livelli Maurizio Costanzo.

Tene na cimma de scirocco.

Ha una cima di scirocco. È incavolato forte. Ma che c’entra lo scirocco? Sta subendo in massimo grado gli effetti dello scirocco, il caldissimo vento africano. Porta umidità e quindi afa. Si riteneva che questo clima fosse particolarmente dannoso per i malati di “nervi”. Quindi quando si dice che qualcuno ha la cima di scirocco si intende che è arrabbiato, irascibile, intrattabile.

Tene’ ’e làppese a quadriglié p”a capa.

Letteralmente: avere le matite a quadretti per la testa. Essere distratto dalle troppe preoccupazioni che girano per la testa. Essere intrattabile. I problemi gli fanno scoppiare la testa. Ma cosa sono questi  làppese a quadriglié? È la deformazione fonetica di un’espressione latina riferita ad un tipo di costruzione muraria romana. Sono delle pareti con delle forme geometriche a rilievo per accentuarne il chiaroscuro. Rilievi che sono detti bugne. Quelle a diamante hanno la forma di piccole piramidi accostate obliquamente a centinaia. Di conseguenza hanno una base quadrata. Costruire una facciata di bugne è un opera difficilissima realizzati da maestri di grande bravura. Quindi metaforicamente è un’opera complicatissima da far venire il mal di testa. Un bellissimo esempio di bugnato di piperno a diamante è quello del Gesù Nuovo di Napoli nell’omonima piazza. Incisi su queste bugne compaiono dei misteriosi segni ordinati secondo un ritmo particolare. Si supponeva, tra le tante ipotesi, che fosse una chiave occulta messa dai maestri del piperno per caricare  energie positive.  Nel 2010 lo storico dell’arte Vincenzo De Pasquale e i musicologi ungheresi Csar Dors e Lòrànt Réz ritennero di aver fatto una straordinaria scoperta. Quei segni formavano uno spartito utilizzando sette lettere aramaiche. Andavano lette al contrario, dal basso verso l’alto e da destra a sinistra. Decifrarono un’opera che intitolarono Enigma. Alla realizzazione di questa opera diedero il loro contributo anche altri studiosi. Al contrario di un altro studioso di simbologia esoterica, Stanislao Scognamiglio che mise in discussione tutta l’interpretazione fatta. Per lui quei segni sono tutt’altra cosa. Però questa musica è stata suonata quindi De Pasquale & C. qualche appiglio alla loro teoria ce l’hanno. Scognamiglio chissà. Comunque chi vuole, può ascoltare Enigma in questo filmato.

Tene’ ’e recchie ’e pulicane .

Avere le orecchie del pubblicano. Il pubblicano era un antico funzionario dell’Erario romano incaricato di riscuotere le tasse. Un esattore per cui è ovvio che fosse molto attento a cogliere anche le voci che lo avrebbero portato a scoprire degli evasori. Metaforicamente avere un udito straordinario ma per ascoltare fatti altrui. Impiccione. Ficcanaso. In senso positivo: riuscire a captare anche a notevole distanza più di quello che riescono a sentire gli altri.

Tène folla Pintauro!

C’è folla da Pintauro! Si dice con ironia di persona che improvvisamente si trova ad avere più attenzioni di quelle che riceve normalmente. Chi si rende prezioso nonostante sia poco credibile. Pintauro è una pasticceria napoletana. Pasquale Pintauro nei primi decenni dell’Ottocento fu il creatore della sfogliatella napoletana. La sua pasticceria fu la prima ad avviare la produzione e la vendita delle sfogliatelle. Negli anni di maggiore successo era talmente affollata che la coda dei clienti si prolungava lungo il marciapiede all’esterno del negozio (comunque abbastanza piccolo). Tuttavia non è che oggi Pintauro abbia perso troppe posizioni. Occupa sempre una posizione verticistica nel settore. Ma i suoi clienti sono diminuiti perché a 200 metri è nata una pasticceria le cui sfogliatelle non hanno nulla da invidiare a quelle di Pintauro: è la pasticceria Mary. La sfida tra titani del dolce si svolge quotidianamente lungo la famosa via Toledo. 

Tene’ l’arteteca.

Essere perennemente irrequieti. Si dice in special modo dei bambini iperattivi, troppo vivaci, che non si fermano un attimo. Arteteca ha una lontana derivazione dal latino arthritis ma senza percorrere tutto il percorso quello che conta è che per i romani indicava una malattia che aveva delle caratteristiche, tra le altre, anche convulsive. Da qui la derivazione di un carattere frenetico. “Arteteca”, è anche il nome di un duo comico, una coppia di coniugi, arrivato al successo con lo spettacolo televisivo Made in Sud.

Tenè mente.

Guardare. Osservare ma senza particolare interesse, magari per curiosità. Guardare da spettatore estraneo.

Tené’ ’nfrisco.

Tenere in fresco. Conservare in attesa del momento giusto. Va bene anche in senso letterale come tenere in fresco qualche cosa.

Tene ’o mariuolo ’ncuorpo.

Ha il ladro in corpo. È piuttosto ambiguo perché sa di nascondere un segreto compromettente. È portatore di un segreto inconfessabile. 

Tene’ ’o vacile d’oro pe’ ce jettà ’o sanghe rinto.

Avere la bacinella d’oro per buttarci dentro il sangue. Essere ricchi ma non poter godere di quella ricchezza. Considerazione astiosa nei confronti di una persona meschina che grazie alla sua posizione approfitta dei sottoposti ma non può avvalersi dell’agiatezza di cui gode perché è afflitto da gravi problemi.

Tene ’a vocca ca pazzeja cu ’e recchie.

Ha la bocca che gioca con le orecchie. Ha la bocca larghissima. Commento derisorio dell’aspetto fisico di una persona. 

Tene ’e rennete spase a u sole.

Avere le rendite sparse al sole. Essere ricchissimo. Ma spesso si usa in maniera ironica per indicare una persona che aspira a progetti troppo grandi per quelle che sono le proprie possibilità: quindi immagina di essere ricchissimo senza esserlo.

Tene’ nu brutto police int’ ’a recchia.

Avere una brutta pulce nell’orecchio. Avere un brutto presentimento. Avere un pensiero preoccupante che frulla per la testa. Questo pensiero però potrebbe essere stato inculcato da qualche malalingua.

Tiene mmano.

Tieni in mano. Aspetta un poco che poi risolveremo. Non è ancora il momento fai in maniera da tenere in sospeso.

Tiene ’nu culo quant’e Porta Capuana .

Hai un culo grande quando Porta Capuana. È una delle nove porte più antiche di Napoli. Espressione scurrile per indicare una persona con una fortuna esagerata. Una fortuna che non si manifesta in una sola direzione. Potrebbe essere al gioco, agli eventi della vita, alla conquista per trascorrere un’allegra serata. Ma nessun riferimento con la classica fortuna in amore. 

Tieneme ca te tengo.

Tienimi che ti tengo. Barcollare. La situazione è precaria e stiamo in bilico con buone probabilità di cadere, sosteniamoci a vicenda. Una situazione simile a quella cinematografica dei due ubriachi che tornando dal bar si appoggiano l’un l’altro per cercare di non cadere.

Tiracazune.

Bretelle. Era dette anche tiranti perché al contrario della cintura non stringevano in vita ma trattenevano dei pantaloni troppo larghi per non cadere.

Tomo tomo.

Serio serio. Comportarsi come nulla fosse in una situazione che al contrario richiederebbe delle valide spiegazioni. Quieto. Tranquillo. Flemmatico.

Tra mastu’ Francisco e ’o bancariello nun se sape chi ha fatte rummore.

Tra mastro Francesco ed il tavolino non si sa chi dei due ha fatto rumore. Un rimpallarsi di colpe. Scaricabarile. Mastro Francesco potrebbe essere un ciabattino che per rispondere ai vicini che gli contestano il fracasso che arriva dal suo negozio invece di ammettere il suo martellare accusa il tavolino di essere troppo rumoroso.

Trave ‘e sapone.

Trave di sapone. Albero della cuccagna. L’albero della cuccagna è un palo ricoperto di sostanza grassa, o comunque viscida, in cima al quale si trovano dei regali. Devono essere raggiunti e conquistati dopo una durissima arrampicata che solo alcuni partecipanti sono in grado di concludere. I regali sono solitamente alimentari perché la tradizione è molto antica e ovviamente per la plebe dei secoli scorsi era un’occasione per mettere in tavola dei prodotti che diversamente avrebbero solo sognato. Comunque oggi l’albero della cuccagna si può trovare in molte sagre paesane e i regali per i vincitori possono essere di ogni tipo.

Tore ’e Crisciénzo e Totonno â Port”e Massa.

Salvatore De Crescenzo e Antonio di Porta di Massa. Salvatore di Crescenzo è considerato il primo grande e potente capo della camorra post-unitaria. Antonio Lubrano, detto Porta di Massa dal nome del luogo d’origine, nella zona del porto di Napoli fu il suoi nemico giurato, capo di un’altra combriccola di delinquenti. La loro vita fu un continuo insanabile confronto senza esclusione di colpi. Alla fine la spuntò De Crescenzo che fece accoltellare l’avversario appena entrato in carcere dopo l’ennesima condanna. Quindi questo detto è riferito a due persone il cui carattere è assolutamente inconciliabile ma si comportano anche da improbabili bulli.

Tricchitracche, tanto a parte!

Tric trac, un tanto per parte! Ciascuno paga per la propria parte. Dividere le spese proporzionalmente a quanto si è consumato. Pagare alla romana.

Truvà ’a pèzza a cculóre.

Trovare la toppa a colori. Cercare in maniera artificiosa di trovare una scusa plausibile. Arrampicarsi sugli specchi. Cercare disperatamente di tirarsi fuori da una situazione divenuta molto difficile.

Che staje accucchianno? 

Ma che stai dicendo? Ma di che cosa stai parlando? Non riesco a capire dove vuoi arrivare.

Tu me scippe ’e paccari ’a mano.

Mi strappi gli schiaffi dalle mani. Cerco di essere ragionevole ma il tuo comportamento rischia di farmi perdere la pazienza e riempirti di schiaffi.

Ttuppetià.

Bussare, picchiare; in senso figurato: congiungersi in un rapporto sessuale.

Tu staie arreto a ‘o brecco.

Tu stai dietro la carrozza. Sei una nullità. Non ti rendi conto nemmeno delle cose più evidenti che ti succedono intorno.

Tu tiene ’a capa fresca.

Hai la testa fresca. Beato te che vivi tranquillo senza problemi che ti frullano per la testa. Avere la testa senza pensieri, disinteressato alle questioni che richiedono responsabilità

Tu vi’ quanno è bello Parigge!

Vedi quanto è bella Parigi! Non c’entra la Tour Eiffel né una romantica serata lungo la Senna. È un’espressione delusa e rabbiosa di fronte ad un fatto negativo e inaspettato. Un moto di meraviglia che può tradursi in “Ma tu guarda cosa mi va a capitare!”, oppure “Ma vedi un poco cosa debbo sopportare!”

Tutto a Giesù e niente a Marì.

Tutto a Gesù e niente a Maria. Una spartizione illogica che avvantaggia un contraente togliendo all’altro, in maniera arbitraria.

 

U

 

U libro d’u pecchè nun s’è stampato ancora.

Il libro del perché non si è stampato ancora. Un modo per non rispondere ad una domanda inopportuna e indiscreta. È anche un’abitudine che hanno i bambini di chiedere dei perché a cui non sappiamo rispondere, qualcuno risolve con un’espressione del genere.

Uanema!

Oh anima! Esclamazione enfatica di meraviglia: Nientedimeno! All’anima!

Una pe bevere e n’ autra pe sciacquà.

Una per bere e un’altra per sciacquare. Dare una strigliata di quelle che non si dimenticano. Aspro e risoluto rimprovero. 

Uno ’e tutto.

Uno di tutto. Un ricco assortimento. Di tutto. Espressione che può essere usata in diversi contesti. Un negozio può avere “uno ‘e tutto”: nel senso che in quel negozio puoi trovare tutto quello che cerchi, è molto fornito.

Uno leva ’o quatro e ll’ato ’o chiuovo.

Uno toglie il quadro e l’altro il chiodo. Una gara a distruggere le proprie cose. Una versione ancora più completa che meglio rende l’idea: Marito mio bello, marito mio bbuono, tu lieve ‘o quadro e jì levo ‘o chiuovo. Marito mio bello, marito mio buono, tu levi il quadro ed io levo il chiodo.
Si dice di una coppia particolarmente scialacquona che spende in maniera dissennata. Ma anche di una coppia che distruggendo il matrimonio ognuno mettendoci del suo.

Uócchie a zennariéllo .

Occhi maliziosi e ammiccanti. In una antica canzone napoletana è la “sardella innamorata de ‘o Guarracino fece l’uocchie a zernnariello”.

Uócchie chine e mmàne vacante.

Occhi pieni e mani vuote. Osservare vogliosamente le grazie di una donna ma restando a mani vuote. Quando i costumi erano più castigati di quelli che sono oggi, agli uomini bastava poco per rimanere a bocca aperta osservando le forme di una donna, specie in televisione. Le mogli gelose si vendicavano con questa constatazione o con l’equivalente: vedere e non toccare è cosa da crepare.

Uocchie sicche.

Occhi secchi. Malocchio. Gli occhi secchi sono quelli che lanciano il malocchio quanto non disgrazie e sventure peggiori. Infatti ancora più esplicitamente: L’uocchie sicche so’ peggio d”e scuppettate. Il malocchio è peggio dei colpi di fucili. La potenza del malocchio è devastante e può procurare più danno delle fucilate. Anche perché nella superstizione si ritiene che il malocchio generi degli influssi difficilissimi da neutralizzare.

Uosso pezzillo.

Malleolo. È una parte dell’articolazione della caviglia.

 

V

 

Va’ a vasa’ ’o pesce ’e San Rafele.

Vai a baciare il pesce di San Raffaele Arcangelo. Nella Chiesa di San Raffaele a Napoli è custodita la statua dell’Arcangelo con Tobia. Nel gruppo marmoreo l’Arcangelo Raffaele poggia il piede sulla testa di un grosso pesce. In passato le donne del popolo si recavano a baciare questo pesce perpetuando un antico rito di fecondità. 

Va te cocca.

Vai a coricarti. Levati dai piedi! Sparisci! Vattene a quel paese! Ma anche: non sparare cavolate.

Va truvanno chi l’accide.

Va cercando chi lo uccide. Una persona molto sicura di sé che non ha paura di niente. Non si preoccupa di assumere atteggiamenti spavaldi e provocatori.

Vajassa.

Donna volgare e sguaiata. Che non si fa scrupolo di attaccar briga strillando e se necessario ricorrere alle mani. Originariamente indicava una serva poi nel tempo ha acquistato queste connotazioni disdicevoli.

Vacante comm’a na cucozza.

Vuoto come una zucca. Stupido. Senza cervello.

Venì a chi si tù e chi songh’ie.

Venire, arrivare a chi sei tu e chi sono io. Discutere in maniera accesa cercando di zittire l’altra persona evidenziando la superiorità della propria posizione. Si può immaginare che da questo alterco venga fuori un continuo batti e ribatti sul rispettivo valore. Insomma un duplicato del “lei non sa chi sono io”.

Venimmo a nuje.

Veniamo a noi. Dopo esserci allontanati dall’argomento ritorniamo a quello che era il tema del nostro discorso. Oppure: riepiloghiamo e concludiamo.

Vermenara.

Grande spavento. Rimanere scioccati da un grande spavento. Il termine deriva da una vecchia credenza popolare che attribuiva ad una grossa paura la causa dei vermi intestinali.

Vino a una recchia.

Vino a un orecchio. Vino buono. La definizione nasce da una particolare interpretazione della qualità del vino osservando gli effetti sul movimento della testa del bevitore. Secondo questa teoria quando il vino è buono la testa del bevitore si chinerebbe da un solo lato. Quindi nascondendo un orecchio e lasciandone visibile solo uno, da cui “vino a una recchia”. Vino a doje recchie. Al contrario, quando il vino è annacquato, la testa del bevitore si chinerebbe in avanti e le orecchie sarebbero visibili entrambe. Di conseguenza il vino scadente viene definito a “ddoje recchie”.

Vota e gira.

Volta e gira. Per quanto si cerchi di cambiare il risultato resta lo stesso.

Vota e gira ’o cetrulo e và ’nculo a ’o parulano.

Volta e gira il cetriolo e finisce sempre “dietro” all’ortolano. Espressione colorita e rabbiosa di chi si ritiene la vittima designata di tante ingiustizie. Comunque vadano le cose già suppone che a rimetterci sarà lui.

Vota ‘e pisce ca s’abbruciano.

Gira i pesci, che si bruciano. Un invito deciso a non proseguire nel discorso che sta prendendo una china molto insidiosa, perché sta toccando argomenti che è preferibile, e forse opportuno, evitare. 

Votta ‘a petrella e annasconne ‘a manella.

Scaglia la pietruzza e nasconde la manina. Azione furbesca di colui che innesca una discussione o un’azione inopportuna facendo in maniera da non restarne coinvolto come il reale fomentatore. Il diminutivo rende meglio l’idea di un’azione svolta cercando di farsi notare il meno possibile.

Votta votta.

Spingi spingi. Conseguenza di un affollamento tumultuoso in una piazza o in una manifestazione dove ci si trova ad essere trasportati dalla folla. La metropolitana nell’ora di punta è un buon esempio. Una coda disordinata dove si sgomita per guadagnare posizioni. Baraonda, gazzarra. 

Vrenzola ’e parola.

Straccio di parola. Fermatevi un poco, tacete, date anche me la possibilità di dire la mia. 

Vulè ’o cocco munnàto e buono.

Volere l’uovo sgusciato e pronto da mangiare. Raccogliere i frutti di quello che non si è seminato. Pretendere di ottenere senza sforzo quello che gli altri devono sudarsi. Essere un fannullone scansafatiche.

Vutare a tarantella.

Volgere a tarantella. Il tentativo di trasformare in burla quella che al contrario è una situazione molto seria.

 

Z

 

Zantraglia.

Equivalente di vaiassa. Donna volgare e sguaiata. Che non si fa scrupolo di attaccar briga strillando e se necessario ricorrere alle mani. Due sono le principali ipotesi sull’etimologia di questa parola. La prima la associa al termine spagnolo “andrajo” che significa “straccio”. Quindi queste donne oltre ad avere le “virtù” suddette erano anche straccione e puzzolenti. La derivazione francese, invece, riporta ai giorni in cui al Maschio Angioino, alla fine dei lauti banchetti reali, i cuochi affacciandosi dai balconi lanciavano gli scarti di carne, e urlando “Les entrailles” (le frattaglie). Le zandraglie che avevano atteso quel momento si lanciavano come belve affamate su quei resti in una lotta senza esclusione di colpi.

Zezzeniello.

L’ugola. Più esattamente indica la parte alta del collo, dei maschi, quella dove si trova il pomo di Adamo. Una protuberanza che richiama alla mente la forma di una piccola tetta, quindi una zezzella o zezzenella, che maschilizzando diventa zezzeniello.

Ziracchio d’ommo.

Un nanerottolo. Uomo molto basso. Può essere utilizzata sia per deridere ironicamente che per insultare con cattiveria.

Zita cuntignosa.

Ragazza, giovane contegnosa. Ragazza che ostenta un’austerità di costumi e una serietà che non ha. Donna che gode di una fama non troppo cristallina ma all’occorrenza assume gli atteggiamenti di una zitella molto morigerata.

Zitto, chi sape ’o juòco.

Zitto chi conosce il gioco. Chi lo conosce non riveli il trucco altrimenti il gioco o “la truffa” fallisce. 

Zittu zitto, ’nmiezo ’o mercato.

Zitto zitto, in mezzo al mercato. Agire con una presunta massima segretezza ma fare in modo che il segreto trapeli con estrema facilità.

Zuca’ a ddoje zizze.

Succhiare da due mammelle. Fare il doppio gioco. 

Zumpà’ comm’a n’arillo.

Saltare come un grillo. Essere in gran forma. Scattante. Vivace.