presunto ritratto di masaniello
Personaggi storici

Masaniello, i due volti di una rivoluzione tradita

Masaniello nonostante la tradizione gli abbia attribuito i natali ad Amalfi è, senza ombra di dubbio, napoletano “verace”.

I documenti originali ritrovati dal poeta Salvatore Di Giacomo nella parrocchia di Santa Caterina in Foro Magno non lasciano dubbi. L’atto ufficiale, datato 29 giugno 1620, recita: “Thomaso Aniello figlio di Cicco d’Amalfi et Antonia Gargano è stato battezzato da me D. Giovanni Matteo Peta, et levato dal sacro fonte da Agostino Monaco et Giovanna de Lieto al vico Rotto”.

Appare evidente che a trarre in inganno sia stato il cognome.  

La casa della famiglia D’Amalfi era situata quindi in vico Rotto al Lavinaio, a breve distanza dalla piccola chiesa di Santa Caterina, distrutta nel 1945 dalle bombe americane. La zona era quella di piazza Mercato, Foro Magno all’epoca.

 

Masaniello pescivendolo, contrabbandiere e plebeo

 

Masaniello è stato sempre ritenuto un pescatore e pescivendolo. Ma come sostiene Muzi, uno storico dei giorni nostri, non era nell’uno né l’altro. Era un venditore di pesce rubato, in pratica un contrabbandiere.

Opera di James E. Freeman.
Masaniello in un dipinto di James Edward Freeman.

La sua rivoluzione iniziata il 7 luglio 1647 durò solo nove giorni e finì molto male. Però fece da volano alla fondazione della Real Repubblica Napolitana. Altra fallimentare parentesi durata meno di sei mesi, dal 22 ottobre 1647 al 5 aprile 1648.

L’insurrezione popolare di Masaniello esplose con estrema violenza il 7 luglio del 1647. La gabella sulla vendita della frutta fu la goccia che fece traboccare un vaso da tempo colmo.

All’epoca la frutta non era una portata di fine pasto o una scelta dietetica come lo è per noi. Per il suo costo contenuto e l’abbondante disponibilità era il pasto spesso unico della popolazione più disagiata. Vale a dire della plebe napoletana.

La sommossa mirava all’eliminazione degli esosi balzelli e il riconoscimento di alcuni diritti fondamentali.

 

Viva ’o Rre ’e Spagna, mora ’o malgoverno

 

Di sicuro non era un tentativo di affrancarsi dalla dominazione spagnola, come vollero immaginare i rivoluzionari italiani del Risorgimento.

Anzi Masaniello e tutti gli insorti erano fedelissimi sostenitori della Corona. Il loro grido di battaglia era: «Viva ’o Rre ’e Spagna, mora ’o malgoverno».

Aniello Falcone Ritratto
Ritratto disegnato da Aniello Falcone

Quindi il nemico da abbattere non era il re di Spagna, all’epoca Filippo IV, ma l’odiato Rodrigo Ponce de León, duca d’Arcos e viceré di Napoli.

Ponce de León era ritenuto l’unico responsabile del sistema daziario che depredava la popolazione.

Dazi e gabelle colpivano ogni prodotto e attività della vita quotidiana.

Ce n’erano sulla seta, sul sale, sull’olio, sull’orzo, sulla carne, sui salumi, sul grano, sulla calce, sulle carte da gioco, sull’oro e l’argento filato e ovviamente su ogni tipo di contratto.

Quando l’idea di una nuova gabella si dimostrava di difficile realizzazione veniva sostituita con l’aumento di qualcuna già esistente.

Le prime vittime di questa rivolta furono i nobili, i borghesi ricchi e i funzionari governativi. Atti vandalici, vendette, esecuzioni sommarie, risoluzioni di antichi rancori insanguinarono le strade di Napoli. Una vera e propria resa dei conti.

 

L’ombra occulta del perfido Genoino

 

Il Comitato rivoluzionario capeggiato da Masaniello pose la sua base operativa nella chiesa del Carmine a piazza Mercato.

Masaniello-pieter-de-jode
Tommaso Aniello in un’incisione di Pieter de Jode il Giovane

Poi cominciò a realizzare il suo “programma”. Il leader insieme ad una folla turbolenta e bellicosa irruppe nella reggia di Napoli, liberarono i carcerati della Vicaria e diedero fuoco i registri daziari e agli uffici stessi.   

Insomma si vede una rivolta ottusa e sanguinaria. Un capopopolo pazzoide e la furia cieca e scatenata dei lazzaroni. Ed è indiscutibile che questo ci sia stato. Ma è riduttivo fermarsi all’immagine oleografica di una semplice sommossa popolare.  

Alle spalle di Masaniello c’era guida occulta. Era Giulio Genoino, anima e mente di questa rivoluzione. Prete ultraottantenne e personaggio torbido nonostante le sue idee rivoluzionarie e l’odio per i nobili.

Aveva tentato la rivoluzione già nel 1620 ma era andata male. Per la sua indole litigiosa e turbolenta era finito più volte in galera .

Era stato condannato persino all’ergastolo e spedito in una prigione africana. Ma era stato graziato con l’obbligo di restare in Spagna tuttavia riuscì a tornare a Napoli. E a finire ancora in prigione.

Nel 1639, ormai settantaduenne colse un’occasione offerta dal Concilio di Trento e si garantì la vecchiaia sotto l’ala protettrice della Chiesa.

 

I fantomatici Capitoli di Carlo V

 

Quando Masaniello fu nominato Capitano generale del fedelissimo popolo, fu proprio con la regia di Genoino che costrinse il viceré a concedere una costituzione popolare. Ispirata, si dice, ai capitoli di Carlo V.

Nel Medioevo capitoli era un termine latino che indicava l’ordinanza emessa dai sovrani carolingi.

In questo caso non significava nulla perché i capitoli di Carlo V non erano mai esistiti. Una pura invenzione di Genoino che tuttavia raggiunse il risultato prefissato.

Masaniello Onofrio Palumbo
Il Masaniello di Onofrio Palumbo

Il 13 luglio fu firmato il capitolato comprendente immunità, prerogative varie e privilegi. Un atto che ampliò e aggiunse nuovi privilegi ai fantomatici capitoli di Carlo V.

Poi Masaniello cominciò a manifestare gravi scompensi mentali. La natura e le cause di questo crollo psichico non sono chiare.

Appaiono plausibili, ma fino ad un certo punto, gli effetti dell’esaltazione del potere.

Secondo diverse fonti l’uscita di senno di Masaniello sarebbe stata indotta, o almeno favorita, dall’assunzione della roserpina, un potente allucinogeno utilizzato all’epoca dagli spagnoli.

Gli fu somministrata, a sua insaputa, nel vino che bevve in abbondanza durante un banchetto a cui era stato invitato insieme alla moglie, Bernardina.

Quello che è certo è che si trasformò in una belva assetata di sangue. Ordinò l’uccisione senza giustificati motivi di centinaia di persone. Persino di quelle più vicine a lui. Tra cui il suo amico camorrista Perrone di Amalfi insieme alla sua numerosa banda.    

Poi giunse il fatidico 16 luglio 1647, festa della Madonna del Carmine.

 

La follia di Masaniello e la reazione del ‘popolo suo’

 

Nella notte precedente si era svegliato di colpo e si era affacciato alla finestra che dava su piazza Mercato. Quindi introdotto dal solito «Popolo mio» aveva iniziato uno strampalato discorso alla folla.

Masaniello parla al popolo
Masaniello parla al “popolo suo”

Sosteneva di aver dato tanto ed essere stato ripagato con l’ingratitudine. Accusava il popolo di averlo osannato fino a pochi giorni prima ma di avergli ormai girato le spalle condannandolo di fatto alla morte.

Un discorso amaro e commovente se si fosse concluso prima di degenerare in un crescente delirio.

Infatti, si abbandonò ad uno spogliarello praticamente integrale per mostrare come si fosse ridotto nel corpo per la fatica che gli era costato quell’impegno.

Ma non ottenne l’effetto sperato. L’aberrazione fu accolta dal popolo con risa, beffe e rabbia.

Per evitare il peggio dovettero intervenire i parenti e trascinarlo a forza dentro casa.

Quando ritornò in sé dovette rendersi conto che era il caso di sparire per un po’ dalla circolazione. Si rifugiò nella chiesa del Carmine per sfuggire all’ira della folla e ci riuscì ma non fu sufficiente a salvargli la vita.

 

L’efferato assassinio del capopopolo

 

Alcuni capitani delle ottine al soldo degli spagnoli lo convinsero con l’inganno ad aprire la porta e lo freddarono con 5 colpi di archibugio.

Piazza Mercato
Micco Spadaro: piazza Mercato all’epoca della rivolta di Masaniello

Quindi Carlo Catania, fornaio, uno dei capi delle milizie popolari di Masaniello, gli recise la testa con un coltello e la infilò su una picca.

Poi attraversò la città con il macabro trofeo fino al palazzo reale per mostrarlo al viceré come prova dell’avvenuta esecuzione.

Gli altri degni compari dilaniarono il corpo e lo gettarono nelle vie del circondario. Si concluse così tragicamente la rivolta del duce-pescivendolo.

L’epilogo non fu meno crudele per suoi familiari e per la moglie Bernardina. Ma furono molti di più quelli che ne trassero cospicui vantaggi, non soltanto sotto il profilo economico.

In primo luogo tutti quelli che avevano tradito e gli assassini. Lo stesso Genoino, anima della rivolta, riuscì a riconvertirsi prontamente e raccogliere immeritati frutti.

Il popolo dal canto suo si rese conto con un giorno di ritardo dell’errore che aveva fatto: chi avrebbe difeso quei diritti per i quali si erano battuti strenuamente?

Come rinsaviti iniziarono a raccogliere la parti del corpo di Masaniello per rimetterle insieme e dargli una rispettosa sepoltura.

Quindi organizzarono dei funerali degni dell’uomo che per qualche giorno gli aveva fatto sognare una vita diversa.  

 

Luci e ombre sulla figura storica di Masaniello

 

Masaniello rimane tutt’oggi un personaggio molto controverso. Dapprima ammirato, quindi bistrattato e poi in parte riabilitato.

Lapide casa Masaniello
Lapide commemorativa posta in vico Rotto al Lavinaio dove si trovava la casa di Masaniello.

Nell’Ottocento, come già detto,  era considerato dai rivoluzionari del Risorgimento un patriota ante litteram. Un eroe che aveva avuto il coraggio di opporsi alla dominazione spagnola lottando per l’indipendenza.

Una visione romantica e distorta della realtà. Il popolo inneggiava al re di Spagna mentre assaltava le fondamenta di un governo arrogante e famelico.   

Storici del primo Novecento, come Michelangelo Schipa e Benedetto Croce al contrario gli hanno attribuito delle connotazioni negative e buffonesche. Schipa lo considerò una semplice marionetta tra le mani di Genoino.

Studiosi più moderni hanno contestato decisamente questa visione riduttiva. Giuseppe Galasso ha riconosciuto l’importanza fondamentale di Masaniello in quella rivolta. Aurelio Musi lo definisce un vero plebeo ma con la capacità di riunire come per incanto interessi inconciliabili come quelli dell’aristocrazia, del popolo e degli artigiani.

La singolare intelligenza di Masaniello viene testimoniata dagli stranieri che ebbero modo di incontrarlo durante quei nove giorni.

E qualora sussistessero ancora dei dubbi sulla sua figura li cancella il grande filosofo Spinoza. Era talmente attratto da quel personaggio che lo ritrasse in un bozzetto a carboncino ma con i suoi lineamenti.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *