Maria Marì – Oje Marì, oje Marì

 

Vincenzo Russo – Eduardo Di Capua – 1899

 

Spartito Maria Marì

 

Maria Marì o come preferisce qualcuno Oj Marì, è un inno all’amore ma ad un amore disperato, non corrisposto. Maria è insensibile allo strazio del protagonista che ormai passa il suo tempo nella vana attesa che di apra la finestra, compaia la sua bella e gli manifesti un segno d’amore.

Un brano meraviglioso appartenente al “periodo aureo” della canzone classica napoletana, a cavallo tra l’Ottocento e il Novecento.

Il tormento di questa canzone non si discosta molto dalla triste esistenza di Vincenzo Russo, autore del testo.

Nato a Napoli nel quartiere Mercato, il 16 marzo 1876, in una famiglia molto modesta. Come si sarebbe detto qualche decennio fa sottoproletaria: il padre calzolaio, la madre casalinga. Cresce in una casa non solo misera ma anche molto umida che compromette gravemente la salute sia a lui che ai suoi fratelli.

I suoi denigratori lo definiscono ignorante e malinconico. In effetti è vero che non può frequentare nemmeno le elementari, per motivi di salute e perché, dopo la morte del padre, da primogenito deve mantenere gli altri cinque fratelli.

Però bisogna aggiungere che, nonostante mille difficoltà, riesce a raggiungere un buon livello di istruzione frequentando corsi serali.

Anzi è proprio studiando le materie di questi corsi che scopre di avere uno spiccato talento per la poesia.

I suoi splendidi versi purtroppo non sono sufficienti a farlo approdare nei salotti e negli ambienti culturali importanti della città.

Vive in miseria lavorando come guantaio.

Tuttavia nelle adiacenze della ditta dove lavora ha l’opportunità di conoscere il suo amore impossibile: Enrichetta Marchese.

Nonostante il suo amore sia corrisposto, è cosciente del divario sociale che li divide, oltre che i suoi problemi di salute, e non s’illude che possa approdare a qualcosa. Ma la trasforma nella sua musa ispiratrice.

Enrichetta è la Rosa di I’ te vurria vasà, e la Maria di Maria Marì.

Vincenzo morì a 28 anni di tubercolosi, dopo anni di sofferenze. È stato autore dei versi divenuti famosi in tutto il mondo. Basta ricordare, oltre che Maria Marì,  I’ te vurria vasà e Torna maggio.

Fu fondamentale per lui l’incontro con Eduardo Di Capua, l’autore de ’O sole mio. Di 10 anni più grande e ormai affermato, il maestro rimase affascinato dai versi di Russo che all’epoca aveva 23 anni.

La canzone fu pubblicata nel 1899 e il suo successo fu immediato e straordinario.

 

Arápete fenesta,
famme affacciá a Maria,
ca stóngo ‘mmiez’â via
speruto d”a vedé.

Nun trovo n’ora ‘e pace,
‘a notte ‘a faccio juorno,
sempe pe’ stá ccá attuorno,
speranno ‘e ce parlá.

Oje Marí’, oje Marí’,
quanta suonno ca perdo pe’ te,
famme addurmí,
nu poco abbracciato cu te.

Oje Marí’, oje Marí’,
quanta suonno ca perdo pe’ te,
famme addurmí,
oje Marí’, oje Marí’.

Pare che giá s’arape
na sénga ‘e fenestella,
Maria, cu ‘a manella,
nu segno a me mme fa.

Sòna chitarra mia!
Maria s’è scetata!
Na scicca serenata
facímmole sentí.

Oje Marí’, oje Marí’,
quanta suonno ca perdo pe’ te,
famme addurmí,
abbracciato nu poco cu te.

Oje Marí’, oje Marí’,
Quanta suonno ca perdo pe’ te,
famme addurmí,
oje Marí’, oje Marí’!

 

Traduzione in italiano

Maria Maria

Apriti finestra,
fai apparire Maria,
che sono in mezzo alla strada
aspettando di vederla.

Non trovo un’ora di pace,
vivo la notte come fosse giorno,
sempre per rimanere qui attorno,
sperando di parlarle.

Oh Maria, oh Maria,
quanto sonno che perdo per te,
fammi addormentare,
un poco abbracciato con te.

Oh Maria, oh Maria,
quanto sonno che perdo per te,
fammi addormentare,
Oh Maria, oh Maria.

Sembra que giá si apre
una fessura della finestrella,
Maria, con la manina,
un accenno mi fa.

Suona chitarra mia!
Maria si è svegliata!
Una bella serenata
facciamole sentire.

Oh Maria, oh Maria,
quanto sonno che perdo per te,
fammi addormentare,
abbracciato un poco con te.

Oh Maria, oh Maria,
quanto sonno che perdo per te,
fammi addormentare,
Oh Maria, oh Maria!