Marechiare

 

Salvatore Di Giacomo – Francesco Paolo Tosti – 1886

 

Spartito Marechiare

 

A volte capita che le opere che li renderanno famosi sono bistrattate dagli autori stessi. Salvatore Cardillo artefice della musica di Core ’ngrato disprezzava quasi questo lavoro che lo ha reso famoso nel mondo. Al contrario avrebbe voluto essere ricordato per la sua produzione di opere classiche.

Qualcosa di simile avvenne per Marechiaro. Salvatore Di Giacomo aveva talmente poca considerazione di questi versi da non averli mai inseriti in nessuna sua raccolta.

Tra l’altro non poteva essere rimasto incantato dal luogo che viene celebrato perché, per quanto possa sembrare strano, quando scrisse questi versi il poeta non conosceva per niente Marechiaro. Non vi era mai stato. Le parole sono frutto della sua fantasia.

Si racconta che Salvatore Di Giacomo avrebbe scritto questi versi nel 1886 mentre sorbiva un caffè seduto ad un tavolino dello storico Gambrinus in piazza Trieste e Trento a Napoli.

Altro aneddoto raccontato in più versioni riguarda la visita del poeta a Marechiaro per accompagnare una studentessa inglese.

Un episodio, questo, fondato ma solo a metà. La versione reale fu narrata dallo stesso Salvatore Di Giacomo nel 1894 sul Corriere di Napoli.

Dopo una gita in mare a bordo di un vaporetto dell’Acquario di Napoli, il poeta e i suoi amici decisero di fermarsi a pranzo in una trattoria che casualmente si trovava proprio a Marechiaro: Osteria “Fenestrella”.

Il titolare evidentemente come faceva con tutti i clienti, raccontò  la storia che secondo la sua versione avrebbe ispirato l’autore dei versi di Marechiare.

Quindi spiegò con dovizia di particolari che la lirica sarebbe nata quando il poeta, a pranzo nella sua osteria, rimasto colpito dalla famosa “fenestrella”, dalla rosa e da… Carolina “mettette tutto dint ’a na canzone”.

La storiella dovette divertire molto Salvatore Di Giacomo che per la prima volta metteva piede nel luogo di cui aveva composto i versi, otto anni prima.    

Rendiamo onore però anche a Paolo Tosti, autore della musica, che in un perfetto amalgama con le parole ha reso Marechiaro e la fenestrella famosi nel mondo. Infatti la melodia contribuisce a dare vita alle sensazioni dettate dalla poesia: vitalità, allegria, passione.

 

Quanno spónta la luna a Marechiare
pure li pisce nce fanno a ll’ammore.
Se revòtano ll’onne de lu mare,
pe’ la priézza cágnano culore.

Quanno sponta la luna a Marechiare!

A Marechiare ce sta na fenesta,
la passiona mia nce tuzzuléa.
Nu garofano addora ‘int ‘a na testa,
passa ll’acqua pe’ sotto e murmuléa.

A Marechiare nce sta na fenesta!
Ah, ah, ah, ah, ah, ah, ah, ah
ah, ah, ah, ah, ah, ah, ah, ah
A Marechiare,
A Marechiare nce sta na fenesta!

Chi dice ca li stelle só lucente,
nun sape st’uocchie ca tu tiene ‘nfronte!
Sti ddoje stelle li ssaccio i’ sulamente,
dint’ a lu core ne tengo li ppónte.

Chi dice ca li stelle só lucente!

Scétate, Carulí, ca ll’aria è doce.
Quanno maje tantu tiempo aggi’ aspettato!
P’accumpagná li suone cu la voce,
stasera na chitarra aggi’ purtato.

Scétate, Carulí, ca ll’aria è doce!
Ah, ah, ah, ah, ah, ah, ah, ah
ah, ah, ah, ah, ah, ah, ah, ah
Ascetate, ascetate, ca ll’aria è doce!

 

Traduzione in italiano

Marechiaro

Quando spunta la luna a Marechiaro,
anche i pesci fanno l’amore.
Si rivoltano le onde del mare,
per l’allegria cambiano colore.

Quando spunta la luna a Marechiaro!

A Marechiaro c’è una finestra,
la mia passione sta la.
Un garofano odora in un vaso,
passa l’acqua sotto e mormora.

A Marechiaro c’è una finestra!
Ah, ah, ah, ah, ah, ah, ah, ah
ah, ah, ah, ah, ah, ah, ah, ah
A Marechiaro,
A Marechiaro c’è una finestra!

Chi dice che le stelle brillano,
non conosce questi occhi che hai in fronte!
Queste due stelle le conosco solo io,
dentro al cuore ho le sue punte.

Chi dice che le stelle brillano!

Svegliati, Carolina, che l’aria è dolce.
Quando mai tanto tempo ho aspettato!
Per accompagnare i suoni con la voce,
stasera una chitarra ho portato.

Svegliati, Carolina, che l’aria è dolce!
Ah, ah, ah, ah, ah, ah, ah, ah
ah, ah, ah, ah, ah, ah, ah, ah
Svegliati, svegliati, che l’aria è dolce!