I’ te vurria vasà

 

Vincenzo Russo – Eduardo Di Capua – 1900 

 

Copertina I' te vurria vasà

 

Dai versi di I’ te vurria vasà emerge il tormento di un amore impossibile. Quello tra il poeta ed Enrichetta Marchese, figlia di un gioielliere. A dividerli c’era un abisso sociale. [leggi tutto]

 

Eh! Che bell’aria fresca,
ch’addore ‘e malva rosa,
e tu durmenno staje
‘ncopp’a sti ffronne ‘e rosa!

‘O sole, a poco a poco,
dint’ ‘o ciardino scenne,
e ‘o viento passa e vasa
stu ricciulillo ‘nfronte!

I’ te vurría vasá.
I’ te vurría vasá
ma ‘o core nun mm”o ddice
‘e te scetá,
‘e te scetá!

I’ mme vurría addurmí.
I’ mme vurría addurmí
vicino ô sciato tujo,
n’ora pur’i’,
n’ora pur’i’!

I’ te vurría vasá.
I’ te vurría vasá.

I’ mme vurría addurmí.
I’ mme vurría addurmí
vicino ô sciato tujo,
n’ora pur’i’,
n’ora pur’i’!

 

Traduzione in italiano

Io vorrei baciarti

Ah! Che bell’aria fresca,
che odore di malva rosa,
e tu dormendo stai
sopra queste foglie di rosa!

Il sole, a poco a poco,
dentro il giardino scende,
e il vento passa e bacia
questo ricciolo sulla fronte!

Io vorrei baciarti.
Io vorrei baciarti
ma il cuore non mi dice
di svegliarti,
di svegliarti!

Io vorrei addormentarmi.
Io vorrei addormentarmi
vicino al fiato tuo,
un’ora anch’ io,
un’ora anch’ io!

Io vorrei baciarti.
Io vorrei baciarti.

Io vorrei addormentarmi.
Io vorrei addormentarmi
vicino al fiato tuo,
un’ora anch’ io,
un’ora anch’ io!