Era de maggio

 

Salvatore Di Giacomo – Mario Pasquale Costa – 1885

 

Cpertina Era de maggio

 

Con due genitori come Salvatore Di Giacomo e Pasquale Mario Costa non è strano che Era de maggio sia diventata la perla rara del repertorio classico napoletano. Fu scritta e musicata nel 1885, lo stesso anno di Marechiare, e presentata al Festival di Piedigrotta.

È una struggente canzone d’amore e come tale si colloca in una categoria molto particolare. Categorie come la serenata per esempio che fa immaginare l’innamorato, a sera inoltrata, sotto il balcone della sua bella ad intonare una canzone adatta allo scopo. Voce ’e notte è l’esempio più emblematico.     

Era de maggio appartiene ad un genere meno noto: la mattinata. La versione diurna della serenata. Secondo la definizione del vocabolario dell’Accademia della Crusca: “Lo Cantare, e Sonare, che fanno gli amanti in sul mattino davanti alla casa della innamorata; come Serenata quel che fanno la notte al sereno.”

Molto spesso si dice di alcuni testi di canzoni particolarmente toccanti che sembrano delle poesie. Con Era de maggio siamo di fronte ad un fenomeno opposto: è una poesia trasformata in canzone dal genio musicale di Pasquale Mario Costa, che gli cuce addosso un vestito che esalta la drammaticità dei versi di Salvatore Di Giacomo e li rende sublimi.

Strutturalmente la canzone è divisa in due parti, quella che precede la partenza e quella successiva, con il ritorno.

La prima si svolge in un giardino pieno di ciliegie (cerase) e i due innamorati cantano insieme frementi del loro amore. Il mese di maggio è una cornice simbolica, infatti è il mese in cui sbocciano le rose e ideale perché possa sbocciare l’amore. Ma questo non avverrà, nonostante le promesse.

Infatti, il ragazzo deve partire e la ragazza è disperata. Si tratta di un momento di estrema sofferenza, lei vorrebbe trattenerlo a tutti i costi e con gli occhi pieni di lacrime gli sussurra: “Chisà quanno turnarraje!”, chissà quando tornerai!  

Ma lui la rassicura e le garantisce che tornerà a distanza di una anno: a maggio, quando sbocciano le rose. E mantiene la promessa.

E si ritorna per la seconda volta nello stesso giardino. Ma qualcosa è cambiata. La ragazza non corrisponde più il suo amore. Forse perché il suo cuore è stato conquistato da qualcun altro o forse semplicemente perché la distanza e il trascorrere di un lungo periodo di tempo ha fatto svanire una passione che non era così forte come poteva apparire durante il saluto della partenza.

Lui al contrario è innamorato come il primo giorno ma non gli resta che la sofferenza e la delusione per una promessa non mantenuta che gli ha distrutto il cuore.

Il più celebre esecutore di Era de maggio è stato senza ombra di dubbio Roberto Murolo ma è inimmaginabile il numero di musicisti nazionali e internazionali che l’hanno interpretata. Mostri sacri come Pavarotti, Bocelli, José Carreras, Giuseppe Di Stefano, Tito Schipa, Mina, Lucio Dalla, Franco Battiato. E cantanti del calibro di Claudio Villa, Teresa De Sio, Noa, Massimo Ranieri, Serena Rossi, Angela Luce, Lina Sastri. Tra le versioni più attuali quella di Renzo Arbore e l’Orchestra Italiana. Molto bella quella degli Avion Travel e la meravigliosa voce di Misia, famosa cantante di fado, portoghese. Recentemente nemmeno Mika a rinunciato a cimentarsi in questa interpretazione accompagnato dall’Orchestra Sanitansamble.

Era de maggio e te cadéano ‘nzino,
a schiocche a schiocche, li ccerase rosse.
Fresca era ll’aria, e tutto lu ciardino
addurava de rose a ciento passe.

Era de maggio, i’ no, nun mme ne scordo,
na canzone cantávamo a doje voce.
Cchiù tiempo passa e cchiù mme n’arricordo,
fresca era ll’aria e la canzona doce.

E diceva: Core, core!
Core mio, luntano vaje,
tu mme lasse, i’ conto ll’ore.
Chisà quanno turnarraje!

Rispunnev’i’: Turnarraggio
quanno tornano li rrose.
Si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio i’ stóngo ccá.

Si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio i’ stóngo ccá.

E só turnato e mo, comm’a na vota,
cantammo ‘nzieme lo mutivo antico.
Passa lu tiempo e lu munno s’avota,
ma ‘ammore vero, no, nun vota vico.

De te, bellezza mia, mme ‘nnammuraje,
si t’arricuorde, ‘nnanz’a la funtana.
Ll’acqua, llá dinto, nun se sécca maje,
e ferita d’ammore nun se sana.

Nun se sana, ca sanata
si se fosse, gioja mia,
‘mmiez’a st’aria ‘mbarzamata,
a guardarte io nun starría!

E te dico: Core, core!
Core mio, turnato i’ só’!
Torna maggio e torna ‘ammore,
fa’ de me chello che vuó!

Torna maggio e torna ‘ammore,
fa’ de me chello che vuó!

Traduzione in italiano

Era di maggio

Era di maggio e ti cadevano in grembo,
a due a due, le ciliegie rosse.
L’aria era fresca, e tutto il giardino
odorava di rose fino a cento passi.

Era di maggio, io no, non mi dimentico,
cantavamo una canzone a due voci.
Più tempo passa e più me ne ricordo,
fresca era l’aria e la canzone dolce.

E diceva: Cuore, cuore!
Cuore mio, vai lontano,
tu mi lasci, io conto le ore.
Chissà quando tornerai!

Io rispondevo: Tornerò
quando tornano le rose.
Se questo fiore torna a maggio,
anch’io a maggio sarò quà.

Se questo fiore torna a maggio,
anch’io a maggio sarò quà.

E sono ritornato, ed ora, come una volta,
cantiamo insieme il motivo antico.
Passa il tempo ed il mondo cambia,
ma il vero amore no, non cambia strada.

Di te, bellezza mia, mi innamorai,
se ricordi, davanti ad una fontana.
L’acqua, là dentro, non si secca mai,
e ferita d’amore non guarisce.

Non si guarisce, perché se guarita
si fosse, gioia mia,
immerso in quest’aria profumata,
io non starei a guardarti!

E ti dico: Cuore, cuore!
Cuore mio, io sono tornato!
Torna maggio e torna l’amore,
fai di me quello che vuoi!

Torna maggio e torna l’amore,
fai di me quello che vuoi!