Core ’ngrato

 

Salvatore Cardillo – Riccardo Cordiferro – 1911

 

Coperina Enrico Caruso

 

Core ‘ngrato oltre ad essere un capolavoro della canzone classica napoletana ha un retrogusto amaro per i tifosi del Napoli. Infatti, l’esclamazione fu utilizzata per l’ex centravanti degli azzurri, Josè Altafini, che passato alla Juventus negli ultimi minuti di una partita fondamentale per la corsa alla scudetto del Napoli segnò il gol che diede la vittoria agli odiati bianconeri.

In tempi più recenti anche Higuain è stato omaggiato allo stesso modo, ma solo en passant, perché nel suo caso sono stati usati epiteti molto più pesanti.

Anche Core ‘grate fu scritta lontano da Napoli, da due emigranti napoletani: Alessandro Sisca e Salvatore Cardillo, a New York nel 1911.

Alessandro Sisca o Riccardo Coldiferro sinonimo col quale firmò anche Core ‘ngrato era un tipo che oggi definiremmo molto impegnato socialmente. Impegno che non mancò di creargli qualche problema con la giustizia. Calabrese di San Pietro in Guarano era di orini napoletani per mezzo della mamma Emilia Cristarelli. Era un ragazzo quando arrivò in America ma si diede subito da fare fondando un giornale satirico, in lingua italiana, che ebbe un notevole seguito con la partecipazione di numerosi artisti emigranti italiani, tra cui nientedimeno che Enrico Caruso.

La scrissero “tanto per fare qualcosa” ma non pensavano potesse diventare addirittura un inno per gli immigrati italiani. Il maestro Cardillo anzi la disprezzava apertamente definendola una “porcheriola”. Infatti, lui, autore di composizioni operistiche avrebbe voluto essere ricordato per tutt’altro genere.

Catarí, Catarí,
pecché mm’ ‘e ddice sti pparole amare?
Pecché mme parle e ‘o core mme turmiente, Catarí?
Nun te scurdá ca t’aggio dato ‘o core, Catarí.
Nun te scurdá.

Catarí, Catarí,
che vène a dicere
stu pparlá ca mme dá spáseme?
Tu nun ce pienze a stu dulore mio?
Tu nun ce pienze, tu nun te ne cure.

Core,
core ‘ngrato!
T’hê pigliato ‘a vita mia!
Tutto è passato
e nun ce pienze cchiù.

Catarí, Catarí,
tu nun ‘o ssaje ca fino e ‘int’a na chiesa
io só trasuto e aggiu pregato a Dio, Catarí.
E ll’aggio ditto pure a ‘o cunfessore:
“Io stó a suffrí pe’ chella llá.”

“Stó a suffrí, stó a suffrí nun se pò credere,
stó a suffrí tutte li strazie.”
E ‘o cunfessore, ch’è perzona santa,
mm’ha ditto: “Figliu mio lássala stá,
lássala stá!”

Tutto è passato
e nun ce pienze cchiù!

Traduzione in italiano

Cuore ingrato

Caterina, Caterina,
perché mi dici queste parole amare?
Perché mi parli e il cuore mi tormenti, Caterina?
Non dimenticare che ti ho dato il cuore, Caterina
Non dimenticare.

Caterina, Caterina,
che significa
questo parlare che mi dà spasimi?
Tu non pensi a questo dolore mio?
Tu non ci pensi, tu non ti preoccupi.

Cuore,
cuore ingrato!
Ti sei presa la vita mia!
Tutto è passato
e non ci pensi più.

Caterina, Caterina,
tu non sai che perfino dentro una chiesa
io sono entrato ed ho pregato Dio, Caterina.
E l’ho detto anche al confessore:
“Sto soffrendo per quella la.”

“Sto soffrendo, sto soffrendo non si può credere,
sto soffrendo tutte le pene.”
E il confessore, che è persona santa,
mi ha detto: “Figlio mio lasciala stare,
lasciala stare!”

Tutto è passato
e non ci pensi più!